Abruzzo, Consiglio regionale. Case Ater:il M5S chiede rispetto della legge n.96

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 11 marzo 2017. Una lettera indirizzata al Sindaco della Citta’ di Pescara, al Prefetto della Provincia, al Procuratore della Repubblica e all’Amministratore dell’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale , per richiedere che la legge sia rispettata e che le persone che commettono atti contro la legge vengano allontanate da edifici che sarebbero destinati a cittadini onesti, aventi diritto ad un alloggio popolare. E’ cosi’ che il M5S in Regione Abruzzo, per voce del Consigliere regionale Domenico Pettinari, interviene nel caso delle abitazioni Ater occupate illecitamente da coloro che commettono atti criminosi e che sono lasciati, senza alcun diritto, nelle abitazioni di edilizia pubblica. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, poco fa, dal servizio informativo del Consiglio. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 16, anche sulle pagine del portale web dell’ente, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. La legge a cui fa riferimento Pettinari e’ la Legge Regionale 25 ottobre 1996, n. 96, recante: Norme per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni di locazione. “Il Sindaco del Comune territorialmente competente ha il dovere di emanare il provvedimento di decadenza dall’assegnazione dell’alloggio di edilizia residenziale pubblica, nei casi in cui l’assegnatario svolga attivita’ illecite, rilevate in flagranza di reato – commenta Pettinari – Nello stesso articolo di legge si prevede, inoltre, che in presenza di tali casi, la condizione venga estesa all’intero nucleo familiare dell’assegnatario”. “La legge e’ chiara – incalza il Consigliere 5 stelle – ma purtroppo sono sempre di piu’ i cittadini che ne segnalano la mancata applicazione, nei confronti di soggetti che piu’ volte sono stati tratti agli arresti per avere adibito il proprio alloggio ad attivita’ illecite, come lo spaccio di sostanze stupefacenti”. I numeri sono indicativi anche negli alloggi occupati senza diritto. Sono, infatti, circa 300 occupanti senza titolo e ben 105 sono con occupanti abusivi per violazione del codice penale. “In questi casi – afferma Domenico Pettinari – la mancanza di controllo degli organi preposti e’ ancora piu’ grave. Non solo, infatti, i cittadini occupanti sono abusivi e dunque da allontanare, ma addirittura un numero consistente di questi utilizza l’alloggio occupato abusivamente per commettere atti contro legge”. “Sembrerebbe – conclude Pettinari -che l’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale non venga sempre messa a conoscenza dell’esistenza di procedimenti penali nei confronti di soggetti colti in flagranza di reato negli alloggi assegnatigli. Di conseguenza l’ATER, per il tramite del Sindaco territorialmente competente, non avvia il procedimento di decadenza dell’assegnazione e il soggetto continua a rimanere in possesso dell’alloggio adibito ad attivita’ illecite. Tutto cio’ accade perche’ gli attori istituzionali coinvolti, probabilmente, non condividono le informazioni. Pretendiamo, quindi, che le autorita’ competenti a cui abbiamo inoltrato la segnalazione istituiscano un tavolo operativo permanente che consenta di condividere le informazioni necessarie a procedere con i provvedimenti di decadenza . Il Sindaco e i vertici delle Ater devono attivarsi al fine di reperire lo status giuridico dell’assegnatario, che puo’ essere loro comunicato dalla magistratura inquirente ovvero dalle forze dell’ordine. Dovrebbe essere – continua Pettinari – il Prefetto a promuovere e coordinare le attivita’ del suddetto tavolo operativo che potrebbe diventare una sorta di sottocommissione del gia’ presente Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza” . “Questo problema e’ tutt’altro che secondario nella gestione delle periferie della citta’. La vita quotidiana dei cittadini onesti, che abitano pero’ in edifici dove si opera nell’illegalita’, e’ molto difficile e spesso questi cittadini costretti a subire minacce e abusi da parte degli intestatari che delinquono. Ecco perche’ il problema ha interessato anche i consiglieri comunali di Pescara che per voce della capogruppo Enrica Sabatini affermano che presenteranno un’interrogazione al Sindaco Alessandrini. () In PrimaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.