Abruzzo, Aziende vittime di mancati pagamenti, ecco la guida del MiSE

Le ultime in materia di sviluppo imprenditoriale e occupazionale | Pescara – 20 marzo 2017. Come ormai noto, dallo scorso 3 marzo e’ possibile presentare richiesta di agevolazione a valere sul ‘Fondo per il credito alle aziende vittime di mancati pagamenti’. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato una GUIDA per chiarire le condizioni di ammissione e i riferimenti utili per accedere al Fondo che, lo ricordiamo,  ha una dotazione di 30 mln di euro per il triennio 2016/2018. In sintesi, possono accedere al finanziamento le piccole e medie imprese: – regolarmente costituite e iscritte nel registro imprese; – nel pieno e libero esercizio dei propri diritti; – che non sono in stato di scioglimento o liquidazione; – che non sono sottoposte a procedure concorsuali per insolvenza o ad accordi stragiudiziali o piani asseverati o ad accordi di ristrutturazione dei debiti; – con sufficiente capacita’ di rimborso; – in potenziale crisi di liquidita’ per mancati pagamenti da parte di imprese debitrici imputate. Vengono, inoltre, specificate le condizioni per rientrare tra le imprese vittime di mancati pagamenti: essere parte offesa in un procedimento penale in corso alla data del 1° gennaio 2016 a carico di una o piu’ imprese debitrici imputate di almeno uno dei seguenti delitti: 1) estorsione, ai sensi dell’articolo 629 del codice penale; 2) truffa, ai sensi dell’articolo 640 del codice penale; 3) insolvenza fraudolenta, ai sensi dell’articolo 641 del codice penale; 4) false comunicazioni sociali, ai sensi dell’articolo 2621 del codice civile. Il finanziamento, regolato a tasso d’interesse pari a 0%, deve avere durata non inferiore a 3 anni e non superiore a 10 anni, da restituire con rate semestrali posticipate e il massimo concedibile (non oltre 500 mila euro), non puo’ essere superiore al totale dei crediti vantati dalla PMI e non pagati alla data di presentazione della domanda. Lo riporta una nota diffusa, poco fa, dal servizio informazione e comunicazione di Abruzzo Sviluppo. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 12, anche mediante il canale web della societa’ in house della Regione Abruzzo, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. Infine, il finanziamento agevolato non deve risultare superiore alle capacita’ di rimborso dell’impresa richiedente e rientra nei massimali ‘de minimis’ applicabili a seconda del settore di appartenenza della PMI. aziende vittime di mancati pagamenti, Ministero dello Sviluppo Economico | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dal Abruzzo Sviluppo. In SecondaPagina su AN24.