Abruzzo, Legge 181/89, da domani al via alle domande per le aree di crisi industriale non complessa

Le ultime in materia di sviluppo imprenditoriale e occupazionale | Pescara – 03 aprile 2017. Ricordiamo che dal 4 aprile 2017 sara’ possibile presentare le domande di agevolazione per i programmi di investimento presentati nei territori delle aree di crisi industriale non complessa, che potranno beneficiare degli incentivi previsti dalla legge 181/89. Lo stabilisce il Decreto Direttoriale del Ministero dello Sviluppo economico del 24 febbraio 2016. La dotazione finanziaria prevista e’ di 124 milioni di euro a valere sulle risorse del Fondo per la crescita sostenibile. Di questi, 44 milioni di euro sono accantonati a favore degli accordi di programma. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, oggi, dal servizio informativo di Abruzzo Sviluppo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 09, anche sulle pagine del portale web della societa’ in house della Regione Abruzzo, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. L’investimento minimo e’ di 1,5 milioni di euro e potra’ essere realizzato nei Comuni ricadenti nelle aree di crisi industriale non complessa individuate dal Decreto Direttoriale Mise del 19 dicembre 2016. Possono accedere alle agevolazioni le imprese di qualunque dimensione costituite sotto forma di societa’ di capitali. Le richieste di finanziamento dovranno essere presentate esclusivamente online sulla piattaforma di Invitalia. I modelli da utilizzare per la presentazione dei progetti di investimento e le guide alla presentazione della domanda saranno disponibili a breve sulle pagine del sito Invitalia dedicate alla misura. Leggi anche:  Aree di crisi industriale non complessa, cosa finanzia la L. 181/89 Aiuti della L. 181/89 estesi alle aree colpite da sisma L.181/89, il Mise ripartisce le risorse La L.181/89 in dettaglio Scheda di sintesi aree crisi industriali non complessa, Invitalia, L. 181/89, Mise | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa di Abruzzo Sviluppo. In SecondaPagina su AN24.