Abruzzo, L. 181/89, chiusura dello sportello per la presentazione delle domande

Le ultime in materia di sviluppo imprenditoriale e occupazionale | Pescara – 06 aprile 2017. Con Decreto direttoriale del 5 aprile 2017 il Ministero dello Sviluppo economico ha disposto la chiusura dello sportello per la presentazione delle domande di agevolazione di cui alla legge n. 181/1989 riguardanti programmi d’investimento nei Comuni ricadenti nelle aree di crisi industriale non complessa, individuate ai sensi del decreto direttoriale 19 dicembre 2016. Lo sportello e’ stato chiuso per esaurimento delle risorse. Lo riporta una nota diffusa, oggi, dal servizio informativo di Abruzzo Sviluppo. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 12, anche sulle pagine del portale web della societa’ in house della Regione Abruzzo, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. A partire dalla data di apertura dello sportello, 4 aprile 2017, infatti, e fino alle ore 10.00 del 5 aprile 2017, risultano pervenute n. 208 domande, per un ammontare di agevolazioni richieste pari a 634,6 milioni di euro. ‘Considerato che il predetto fabbisogno finanziario supera ampiamente la dotazione finanziaria di cui al sopra menzionato decreto ministeriale 31 gennaio 2017′ – si legge nel Decreto direttoriale – si rende ‘necessario procedere all’immediata chiusura dello sportello per la presentazione delle domande di agevolazione in considerazione dell’avvenuto esaurimento delle risorse disponibili (124 milioni di euro a valere sul Fondo per la crescita sostenibile, dei quali euro 44 mln accantonati in favore degli interventi disciplinati da accordi di programma, ndr)’. Testo del decreto aree di crisi industriale non complessa, L. 181/89 | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web di Abruzzo Sviluppo. In SecondaPagina su AN24.