Coldiretti, «RINASCITA E PROSPETTIVE DOPO IL TERREMOTO»

Le ultime dalla Coldiretti Abruzzo | Pescara – 07 aprile 2017. Si può ripartire dopo il terremoto? E come? Ci sono strumenti adeguati alla ripresa delle imprese agricole? Sono tante le domande che si sono poste, e alle quali hanno risposto, le donne di Coldiretti Donne Impresa che si sono incontrate ieri pomeriggio nella sede di Coldiretti Abruzzo, a San Giovanni teatino, nell’incontro “Rinascita e prospettive delle imprese agricole femminili dopo il sisma”, promosso per capire opportunità e prospettive per chi sceglie il settore agricolo. Un incontro tra i comitati provinciali delle donne imprenditrici per ricordare il sisma che colpì L’Aquila nel 2009 e le conseguenze degli eventi tellurici che si sono verificati dal 24 agosto a gennaio 2017 in Abruzzo. Oltre alla responsabile regionale di Coldiretti Donne Impresa Manuela Vellante e alle responsabili provinciali Daniela Lucia, Angelica Fabrizio e Federica Intini, all’incontro ha partecipato Emanuela Ripani, allevatrice e presidente di Coldiretti Teramo, che ha raccontato la sua esperienza di azienda colpita dal terremoto e ha ricordato l’impegno profuso da Coldiretti per aiutare le imprese colpite sia dal sisma che dal maltempo del mese di gennaio. “Un dramma da cui dobbiamo ripartire con più entusiasmo e dinamismo – ha evidenziato la Ripani – sono tante le aziende agricole colpite insieme ovviamente alla popolazione civile, ma come abbiamo fatto nel 2009 è necessario guardare al futuro con volontà e impegno. L’agricoltura è un settore fondamentale e trainante che, seppur fortemente colpito, sarà dare il giusto impulso alla ripresa dell’economia. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, in giornata, dal servizio informazione della Coldiretti Abruzzo. I dettagli della nota, della quale viene qui riportato l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 11, anche mediante il sito internet della Coldiretti Abruzzo, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Ripartire dalla diversificazione aziendale e dalla multifunzionalità, concetti che mai come oggi sono attuali caratteristiche del settore agricolo, vuol dire puntare su un valore aggiunto da cui le imprese possono, anzi devono, ripartire con una valenza anche sociale”. Nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato oltre una trentina di imprenditrici, si sono susseguiti anche due interventi tecnici. Edoardo Diligenti, consulente dell’ufficio legislativo di Coldiretti Abruzzo, ha relazionato su “Impresa al femminile: quale futuro in agricoltura dopo le calamità di gennaio 2017” mentre Fabio Di Pietro, responsabile Fondi strutturali di Coldiretti Abruzzo, si è soffermato su “Piano di sviluppo rurale: scenari e prospettive per le donne in agricoltura” evidenziando i nuovi scenari che si aprono per le imprese femminili. Al termine degli interventi tecnici, il confronto vero e proprio tra le imprenditrici da cui sono emerse tre direttrici da perseguire nell’immediato futuro: potenziare la presenza di imprenditrici agricole negli agriturismi che vanno rilanciati proprio ora in un momento di grande crisi dovuta al terremoto, promuovere la comunicazione con il consumatore e valorizzare ancora di più l’impresa “femminile” in un settore che, pur tradizionalmente maschile, inizia a confermare la crescita delle aziende “rosa”. Basti pensare che in Abruzzo, su circa 34.000 aziende gestite da donne nei diversi settori (percentuale tra le più alte d’Italia) ben il 36% appartengono all’agricoltura e che una impresa agricola su tre viene gestita da una donna. A livello nazionale, secondo i dati pubblicati sul report Crea 2016, le imprenditrici agricole in Italia hanno di media un’età compresa tra i 40 e i 60 anni. Il 9% è al di sotto dei 40 anni, mentre nello studio di Coldiretti dal titolo “Più lavoro in agricoltura dall’innovazione – Missione cambiamento: le risposte dei giovani agricoltori”, emerge che nel 2015 sono aumentate del 76% le ragazze italiane under 34 che hanno scelto di lavorare indipendentemente in agricoltura come imprenditrici agricole, coadiuvanti familiari o socie di cooperative agricole. Nel corso dell’incontro sono stati evidenziati anche i numeri dei primi bandi del Psr, in cui su 870 domande di primo insediamento il 39% provengono da donne al di sotto dei 40 anni (percentuale che, in provincia di Chieti, sale al 44%). “Non semplicemente mogli o sorelle o madri che danno il proprio supporto nella gestione dell’azienda di famiglia ma vere e proprie imprenditrici che curano direttamente la propria impresa sempre più strutturata e al passo con i tempi – ha evidenziato Manuela Vellante, responsabile regionale nelle conclusioni finali – una realtà sempre più variegata e strutturata di cui le donne di Coldiretti vogliono essere sempre più protagoniste attive. Il nostro principale obiettivo è, in questo momento storico, lavorare assiduamente per diffondere l’importanza di una alimentazione sana e corretta con cibi di sicura provenienza nella valorizzazione complessiva del made in Italy alimentare – ha concluso Manuela Vellante – Solo così riusciremo a garantire il reddito delle imprese e la sicurezza dei consumatori attenti tutelando al tempo stesso le nostre imprese e la presenza delle donne in agricoltura. Oggi più che mai l’impegno delle imprenditrici è forte e non si limita semplicemente all’aiuto del coniuge ma riguarda anche la gestione di aziende agricole complesse e strutturate>>. coldiretti abruzzo 0854449451 – 3356863866 | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ della Coldiretti Abruzzo. In SecondaPagina su AN24.