Pescara. RieducAzione Sport FormAttivo

Le ultime dal Comune di Pescara | Pescara – 07 aprile 2017. Al via il progetto di RieducAzione Sport FormAttivo promosso dall’Unione sportiva Acli, comitato provinciale di Pescara e patrocinato dal Comune. Il progetto si svolgerà presso la Casa Circondariale di Pescara, con la collaborazione di Pescara Assistenza, Abruzzo Boot Camp e Pescara Sud Squali. Oggi la presentazione con i partner dell’iniziativa con l’assessore allo Sport Giuliano Diodati, il presidente della Commissione Sport Adamo Scurti, gli organizzatori dell’evento, i responsabili dell’Avis di Pescara e il direttore della Casa Circondariale Franco Pettinelli e la delegazione dell’US Acli nazionale. “A nome dell’Amministrazione esprimo piena gratitudine per il progetto – così l’assessore Giuliano Diodati – perché l’inclusione sociale va promossa sempre, specie per cercare di favorire la rieducazione e il ritorno di persone che stanno scontando pene a svolgere una vita normale. Con la casa circondariale si conferma un rapporto avviato da tempo e su diversi settori, segno di una collaborazione costruttiva e di progetti che valgono”. “Si tratta di un progetto fortemente dall’Us Acli nazionale – così il presidente della Commissione Sport Adamo Scurti – E’ bello che un’Amministrazione si occupi di chi nella vita ha avuto un percorso particolare, perché crediamo che ognuno abbia diritto a un riscatto anche lavorativo. In questa attività c’è anche l’assonautica per un corso di recupero delle manualità perdute e insegneremo ai detenuti a rifare nodi e reti per dare loro opportunità in piu. Il progetto è a moduli e ci saranno attività motorie di base dall’Asd Pescara Sud, attività motorie innovative attraverso l’Abruzzo Boot Camp e le attività promosse dall’associazione Pescara Assistenza, che li abiliterà all’uso del defibrillatore, così come l’Avis per quanto attiene alla prevenzione. Il progetto ha una valenza nazionale: su 15 penitenziari Pescara è stata scelta per questa sperimentazione e mi preme dire che in questi giorni è presente la delegazione nazionale Acli, perché prepariamo anche un evento che dall’1 al 4 giugno riguarderà tutti i nostri impianti sportivi”. “Da anni il Comune è sempre presente nelle attività che svolgiamo nel penitenziario – aggiunge il direttore Franco Pettinelli – E’ una nuova sperimentazione che ci interessa per un duplice motivo: porta la possibilità di crescere al detenuto, apre le porte del carcere ad attività esterne e formative, fondamentali. Si tratta di processi di aiuto verso gli altri ed è questo uno degli elementi aggiuntivi: sarà rivolto all’interno, in parte nell’aula didattica, ma si svolgerà lanche all’esterno dove cercheremo di portare ciò che hanno appreso grazie al progetto. Parteciperanno 15 detenuti sulla base dell’interesse e adesione volontaria e con il magistrato di sorveglianza studieremo la possibilità di portare anche all’esterno queste esperienze, perché non si fermino al livello teorico. E’ un ritorno importante quello che generano, specie quando promuovono socializzazione e sono indirizzate ad un recupero sociale per la costruzione di una consapevolezza sempre più forte e per creare un legame con l’esterno”. “Abbiamo fatto un bando nazionale a cui hanno aderito 30 comitati – spiega Antonio Meola del comitato nazionale – fra cui Pescara. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio informazione e comunicazione del Comune di Pescara. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 18, anche sulle pagine del portale web dell’ente, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. E’ un progetto che vede diverse attività nella struttura carceraria, durano da 3 mesi e arrivano a un anno e sono rivolti anche all’alta sicurezza. Tutta questa attività che facciamo nelle strutture carcerarie è finanziata dal nostro 5 per mille. Siamo ben lieti di iniziare questo rapporto offrendo non solo attività sportiva, ma un contatto sociale. Ci prepariamo a portare a Pescara anche la sesta edizione dell’Us Acli in tour, con 14 discipline sportive, 3.000 atleti. Saranno quattro giorni intensi, abbiamo scelto Pescara per l’impiantistica sportiva della città, oltre alle gare faremo due convegni su alimentazione e psicosi del terremoto e eventi formativi per giornalisti, ci sarà una quadrangolare di calcio con la nazionale parlamentare e la nazionale dei pizzaioli, che la sera venderà pizze il cui introito nutrirà lo sport nelle zone terremotate”. “La nostra cooperativa da diversi anni porta avanti progetti relativi alla prevenzione sanitaria soprattutto sull’arresto cardiaco che uccide 1 milione di persone l’anno – aggiunge Cesare Pennese di Pescara Assistenza – Ogni 7 secondi si riduce la possibilità di vita di circa il 10 per cento nel soccorso. Porteremo anche nel carcere la formazione sanitaria per salvare persone, il corso sarà effettuato dalla cooperativa con la fondazione Dan Europe che cura la parte della certificazione dei corsi e al termine di questo ciclo di formazione proveremo a completare anche con la certificazione del 118. Al termine i partecipanti saranno in grado di gestire tecniche di primo soccorso e di usare un defibrillatore, diventeranno portatori di questa cultura di prevenzione importantissima”. “Addestramento ad hoc nato in America proprio per i detenuti – aggiunge Sonia Irimiea dei Boot Camp previsti dal progetto – Si tratta di una disciplina che prende in prestito i metodi dei reparti speciali USA, prevede allenamenti intensi con misto di atletica e ostacoli con percorsi militari.Il Boot camp si usa nel fitness per restare in formada noi arriva ora ma da circa 40 anni è attivo negli stati uniti proprio come metodo rieducativo per detenuti; obiettivi che valgono per l’esercito e per i detenuti Pescara 7 aprile 2017 | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente. In PrimaPagina su AN24.