PD. Terremoto, Pezzopane: Bene Finocchiaro, sui risarcimenti importante apertura. Legge sia madre e non matrigna.

Dal comunicato stampa pubblicato sul sito web del Partito Democratico Abruzzo | Pescara – 11 maggio 2017. « Terremoto, Pezzopane: Bene Finocchiaro, sui risarcimenti importante apertura. Lo riporta una nota diffusa, in giornata, attraverso il sito abruzzese del PD Abruzzo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 18, anche sulle pagine del portale web dello stesso Partito Democratico Abruzzo, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. Legge sia madre e non matrigna. “Dalla ministra per i rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro, con la quale in questi giorni ho direttamente interloquito, e’ venuta nel corso di un question time un’apertura importante: il governo intende fare quanto in suo potere per rinunciare alla revoca dei risarcimenti e quindi evitare a tante famiglie il danno, oltre alla beffa. Dopo i terremoti e le calamita’ naturali, si risarciscono le case, le attivita’ economiche e persino il bestiame. Dobbiamo fare in modo che la legge sia madre e non matrigna per chi e’ gia’ stato cosi’ duramente colpito dal tragico terremoto del 2009”. Lo dice la senatrice Stefania Pezzopane. “Dobbiamo evitare – prosegue Pezzopane – che risarcimenti versati per le vite umane perdute nel terremoto dell’Aquila debbano essere restituiti da persone e famiglie che hanno gia’ sofferto tanto, con un provvedimento che arriva a 8 anni dal sisma e che in molti casi le ridurrebbe sul lastrico. Il principio appare ingiusto in se’, ma lo e’ tanto piu’ negli effetti di una procedura che ha impiegato tanti anni a dispiegarsi e che colpisce orfani allora bambini e ora maggiorenni, famiglie che avevano perduto tutto e che non dispongono piu’ delle somme da esborsare. L’apertura della ministra Finocchiaro e’ stata importante, credo che sia necessario avviare una trattativa, nella quale ci impegneremo perche’, nel rispetto della legge, si possa evitare un impatto cosi’ duro su queste persone e sulle famiglie. La legge sia madre e non matrigna, tanto piu’ che la vicenda scabrosa della Commissione grandi rischi a L’Aquila, se e’ chiusa sul piano giudiziario, non lo e’ sul piano delle responsabilita’ politiche. Che ci sono e’ molto gravi e che mi auguro possano essere portate alla luce con la Commissione d’inchiesta da me proposta” Condividi:Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra)Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su Google+ (Si apre in una nuova finestra) Correlati » | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web del Partito Democratico Abruzzo. In SecondaPagina su AN24.