Abruzzo, Consiglio regionale. Ospedale Chieti, FI: abbandonare il progetto

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 16 maggio 2017. “Come anticipato ieri, i documenti consegnati dal Direttore generale Flacco nelle mani di D’Alfonso sono una serie interminabile di pareri negativi sul project financing che pesano quanto un macigno. Per questo motivo adesso attenzione remo tutte le prossime mosse della Regine Abruzzo. Sara’ mia intenzione fare piena chiarezza circa l’istruttoria del project financing presentato dalla Icm del gruppo Maltauro sul nuovo ospedale di Chieti che sta assumendo risvolti da telenovela grazie alla forzatura e l’insistenza da parte del Presidente della Regione”. E’ quanto ha dichiarato il Consigliere regionale di Forza Italia, Mauro Febbo nel corso di una conferenza stampa. Lo riporta una nota diffusa, oggi, dal servizio informativo del Consiglio. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 13, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. “Innanzitutto- ha spiegato Febbo- e’ tranciante la relazione della dottoressa Veronica Vecchi, docente di Public Management presso l’Universita’ Bocconi, che in 16 pagine demolisce praticamente la fattibilita’ del project financing proposto dalla Maltauro. La professoressa entra nei particolari e ritiene il progetto non sostenibile poiche’ ‘La proposta cosi’ formulata risponde a un modello di PPP che ha mostrato una serie di criticita’ in fase di gestione a livello nazionale e internazionale, soprattutto in termini di rigidita’ e di scarsa sostenibilita’. Fa quindi specie che il proponente non abbia cercato di interiorizzare queste evidenze nella proposta per rendere il progetto piu’ sostenibile – scrive la Vecchi nelle conclusioni – Il contratto di PPP dovrebbe includere solo la realizzazione degli investimenti e la gestione dei servizi strettamente connessi alla parte edile. Esso dovrebbe essere remunerato a canone di disponibilita’, solo parzialmente indicizzato all’inflazione ‘. “Nella perizia – ha rimarcato Febbo – viene messo in risalto in maniera nettamente negativa la parte economica. Infatti si legge che il project Maltauro non costera’ 8,5 milioni di euro, come sostenuto dal presidente D’Alfonso ma 20 milioni di euro. ‘Non deve creare illusioni il fatto che la gestione dei servizi generi un margine di circa 8,5 milioni di euro – scrive la Vecchi – si tratta infatti di una extra marginalita’ calcolata sul valore dei servizi corrisposto ai subfornitori . Pertanto si puo’ affermare che il “vero” canone di disponibilita’ ammonta a quasi 20 milioni di euro, oltre IVA e inflazione’. E ancora: ‘6,5 milioni di euro per consulenze finanziarie e legali appaiono molto elevati, cosi’ come ‘appaiono anche molto elevate le spese per la SPV sia in fase di costruzione che di gestione ‘. “Oltre a questa perizia – ha continuato Febbo – sempre nella documentazione consegnata alla Presidenza della Regione Abruzzo ci sono tutta una serie di pareri dei Direttori UOC che bocciano la fattibilita’ del Project financing al SS. Annunziata di Chieti. C’e’ il parere dell’ingegnere Vincenzo D’Amico che scrive come ‘l’importo iniziale di 5 milioni di euro proposto per acquisto di AEM , ritenute necessarie per l’apertura del nuovo ospedale appare del tutto insufficiente per soddisfare le esigenze stimabili in circa 25 milioni di euro. Rispetto al disciplinare per la fornitura delle attrezzature medicali si rimarca l’assoluta sproporzione del valore minimo di acquisto per attrezzature poi per quanto riguarda il noleggio, manutenzione e strumentario chirurgico si evidenzia che c’e’ un aumento vertiginoso del 63% rispetto alla cifra che deriverebbe dal servizio in caso di affidamento attraverso gara’. Poi c’e’ il direttore Pierlugi Galassi che nella sua relazione sulla congruita’ dei prezzi unitari dei singoli servizi indicati nel PEF ‘risultano assolutamente elevati, sia rispetto ai prezzi del contratto ASL e sia ai prezzi di riferimento ANAC, di una percentuale variabile tra il 120% e 140% in piu”. Ancora, la dottoressa Maria Golato nella sua valutazione a 2,2 euro. Quindi aumento del 400%, cosi’ come il complesso degli esami di laboratorio passano da euro 2.326.746 a euro 7.723.690. Sempre la Golato contesta e ridicolizza la gestione informatica e il programma di informazione e addestramento del personale. Circa il servizio Investimento, Patrimonio e manutenzione l’ing. Filippo Manci evidenzia che i posti letto ricompresi nella nuova struttura P.Q. Sono 404 e non 498 poiche’ gli 82 posti sono gia’ attivi nel corpo M”. “Quindi il costo stimato per la realizzazione – ha evidenziato Febbo – viene individuato in euro 86.736.780 e non come proposto in euro 106.618.110. Cosi’ come sono in totale disallineamento i costi di gestione degli impianti tecnologici attualmente in euro 5.740.070 mentre quello stimato dal proponente e’ di euro 11.066.916. Aumento oltre del 100%. Sempre Manci torna sulla problematica relativa alla funzionalita’ progettuale non conforme al PEF in caso di accoglimento delle indicazioni dei vari direttori della Asl. E si continua a firma del Prof. Cotroneo dove stronca palesemente ed in maniera definitiva il Servizio di radiologia e medicina nucleare. ‘Il progetto della radiologia appare assolutamente non condivisibile e da rivedere completamente per la carenza di spazi, per distribuzione delle diagnostiche per assenza della Sala Angiografica e relativa apparecchiatura’ e continua con l’evidenziare le tante lacune presenti nel proposta. Mentre il direttore dott. Giuseppe Mariotti boccia nei singoli servizi da Anatomia patologica, farmacia, radiologia, terapia intensiva, dialisi, odontoiatria, e oncologia. Insomma due pagine fitte da leggere che si commentano da sole e che lasciano senza parole. Anche il direttore Mariotti pone il problema dei posti letto evidenziato anche da Manci. Infine, la dottoressa Anna Suriani evidenzia l’incompatibilita’ dell’attivita’ di cantiere ed il micro clima che dovrebbe esserci nei reparti di un ospedale”. “In questi mesi – conclude Febbo – abbiamo assistito, da parte del Presidente della Regione, al completo esautoramento del ruolo della Asl, al capovolgimento delle regole amministrative e allo stravolgimento delle leggi al fine di avocare un procedimento, come la pubblica utilita’, che per competenza spetta solo ed esclusivamente alla Asl. Chiedo che l’esecutivo della Regione Abruzzo abbandoni definitivamente questo progetto che ritengo da tempo folle e improponibile visto che non ha i piedi per camminare. È urgente, invece, lavorare in maniera spedita al fine di sistemare definitivamente i complessi del SS. Annunziata che risultano critici. Oggi e’ indispensabile non perdere piu’ tempo nel completare quel lavoro intrapreso per dare all’ospedale di Chieti futuro certo e stabilita’ sanitaria”. () In PrimaPagina su AN24. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.