Abruzzo, Consiglio regionale. Vastese,Centri commerciali:emergenza accattonaggio

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 17 maggio 2017. “L’appello dei commercianti non puo’ rimanere inascoltato. Oramai davanti ai centri commerciali di Vasto e dintorni la situazione e’ diventata insostenibile e intollerabile. Il fenomeno dell’accattonaggio deve terminare una volta per tutte”. Il Consigliere regionale di Sinistra Italiana Leandro Bracco interviene sull’allarme lanciato dagli esercenti i cui negozi si trovano nei centri commerciali dell’Abruzzo meridionale ai confini con il Molise. “Quotidianamente nei parcheggi di questi centri commerciali si presentano persone che mendicano – commenta Bracco riportando e condividendo le frasi che molti commercianti hanno pronunciato durante una recentissima conferenza stampa – ma anche che vendono di tutto in maniera abusiva: calzini, strofinacci e oggetti di svariate tipologie. Molti individui si presentano singolarmente, altri dicono di far parte di associazioni con finalita’ benefiche”. “Non e’ nemmeno raro – prosegue il Consigliere – che si vedano donne elemosinare mentre sono accompagnate da bambini molto piccoli. Quello dell’accattonaggio e’ un problema diffusissimo anche in molti altri Comuni – continua l’esponente di Sinistra Italiana – Le amministrazioni locali sono chiamate a intervenire a tutela dei commercianti che non di rado si trovano in difficolta’ davanti a clienti che lamentano la fastidiosa insistenza di soggetti che li fermano nei parcheggi ma anche prima di entrare in un negozio e poi anche all’uscita”. “I mendicanti e i nullatenenti – ragiona Leandro Bracco – non sono persone di serie B ma vanno aiutati in un altro modo. Non e’ tollerabile vederli bivaccare accanto alle auto in attesa che qualcuno dia loro qualche moneta. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, oggi, dal servizio stampa del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 14, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. Spesso le ‘associazioni’, alcune delle quali operano in maniera nebulosa, li sfruttano e per questo motivo l’appello rivolto dai commercianti alle forze dell’ordine va condiviso in toto. E’ si’ essenziale che vengano svolti piu’ controlli ma e’ necessaria anche una maggiore collaborazione da parte dei cittadini in modo tale che le persone dedite all’accattonaggio vengano segnalate e quindi anche controllate. E il medesimo discorso vale anche per le sedicenti ‘associazioni”. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.