SALUTE: PESCARA, NAS CHIUDONO DUE ATTIVITA’ DI TATUAGGI

Cronaca: news dai Carabinieri Abruzzo | 17 maggio 2017. – I Nas hanno chiuso due attivita’ di tatuaggi nell’area metropolitana Pescara-Chieti. E’ il bilancio dei controlli dei carabinieri che hanno riguardato una ventina di attivita’ operanti in Abruzzo nel settore. Nello specifico, le due attivita’ sottoposte a provvedimento sospensivo effettuavano tatuaggi senza autorizzazione e parere igienico sanitario. Per quanto riguarda invece l’esercizio segnalato per la chiusura, e’ emerso che l’operatore era totalmente sprovvisto della qualifica prevista. Lo riporta una notizia diffusa, oggi, mediante il portale internet dei Carabinieri. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 17, anche mediante il canale web dell’Arma, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. Relativamente alle sette violazioni contestato, i carabinieri del Nas hanno accertato l’utilizzo di attrezzature e pigmenti non conformi al codice del consumo. Fra gli aspetti oggetto delle verifiche dei militari, il possesso dei requisiti, come la Segnalazione Certificata di Inizio Attivita’, il parere igienico sanitario della Asl, la scheda cliente e le informazioni che devono essere fornite circa i potenziali rischi per la salute derivanti da tatuaggi e piercing, l’autorizzazione dei genitori di minorenni (14-18 anni), la marcatura Ce di inchiostri e pigmenti, l’utilizzo di mezzi protettivi (mascherine, occhiali, guanti sterilizzati e camici monouso), il corretto smaltimento dei rifiuti sanitari pericolosi e le corrette procedure di sterilizzazione e disinfezione | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’Arma dei Carabinieri. In SecondaPagina su AN24.