Abruzzo, Consiglio regionale. M5S, Regione: una nave che affonda

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 23 maggio 2017. “Grippo, Di Biase, D’Amico, D’Aristotele, Cipollone, Savini, Marcantonio, Becchi, Giovani e ora Gerardis e Di Rino. Sono alcuni dei nomi dei dirigenti che si sono dimessi, hanno fatto un passo indietro o hanno chiesto di essere trasferiti, altrove abbandonando la regione a guida D’Alfonso. Sembra che nessuno riesca a resistere piu’ di qualche mese accanto al Presidente D’Alfonso. È evidente che le scelte in campo dirigenziale del Presidente non hanno mostrato alcun successo”. E’ quanto dichiara il Consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Sara Marcozzi. “Sin dall’inizio della legislatura – prosegue Marcozzi – abbiamo assistito a rimpasti di giunta, dimissioni di dirigenti, nuove nomine, nomine sbagliate, un caos istituzionale che si ripercuote sull’efficienza della macchina amministrativa. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, poco fa, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 13, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. D’Alfonso aveva promesso agli abruzzesi una rivoluzione dell’amministrazione ma sembra proprio di essere su una nave che affonda. Un via vai di figure dirigenziali che va ben oltre l’assestamento fisiologico di un nuovo Governo Regionale, D’Alfonso governa questa regione da tre anni. Oltre ai dirigenti che abbandonano, non meno gravi sono le mancate nomine di professionalita’ in ruoli strategici come, ad esempio, molti servizi che si occupano della gestione e programmazione dei fondi europei”. “Non sono le nomine in se’ che preoccupano – sottolinea il Consigliere del M5S – ma piuttosto i deludenti risultati economici, sociali ed occupazionali che la Giunta del presidente ‘facile e veloce’ ha realizzato. Una struttura instabile, debole e, forse, anche sfiancata dalle continue invasioni di campo e di competenze del Presidente. La macchina non funziona e i dati lo dimostrano: crescita delle disuguaglianze sociali, consumi al palo, livelli occupazionali preoccupanti”. “Ora che Gerardis abbandona l’Abruzzo per un Ministero, il suo ruolo sara’ svolto da Vincenzo Rivera, gia’ collaboratore della Giunta Del Turco. A volte – conclude Sara Marcozzi – gli anni passano ma tutto sembra rimanere uguale”. () In SecondaPagina su AN24. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.