Pescara. Fosso Vallelunga, il sindaco firma la prima ordinanza di rimozione dei divieti temporanei di balneazione con cui è partita la stagione balneare

Le ultime dal Comune di Pescara | Pescara – 26 maggio 2017. Il sindaco Marco Alessandrini ha firmato l’ordinanza di rimozione del divieto di balneazione per l’area antistante Fosso Vallelunga. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, poco fa, dal servizio informativo del Comune di Pescara. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 07, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. “Sul litorale la stagione ufficiale è partita con tre divieti temporanei di balneazione imposti dalla Regione come da normativa e basati sulla situazione registrata dai dati 2016 come richiedono le normative vigenti così il sindaco Marco Alessandrini e l’assessore al Demanio Loredana Scotolati – Abbiamo chiarito sin dall’inizio che se i valori fossero migliorati avremmo via via richiesto alla Regione l’autorizzazione a rimuovere i divieti e così è avvenuto per Fosso Vallelunga. Così avverrà presto anche per via Galilei, per cui abbiamo già inoltrato la stessa richiesta alla Regione e siamo in attesa della risposta, questo perché il risultato dei prelievi effettuati dall’Arta per la nuova stagione balneare si è mantenuto conforme alla balneazione e così faremo anche per via Balilla, se i valori resteranno nella norma. Al contempo abbiamo recepito l’indirizzo che ci viene dalla Regione a lavorare per l’osservanza delle misure di gestione del sistema di controllo della rete fognaria e depurativa. Per un’azione coordinata ed efficace di tutti gli Enti e Aziende coinvolti è stata infatti convocata una riunione, attivando un tavolo di lavoro dedicato proprio a questo, che si riunirà il prossimo 31 maggio. Sarà uno strumento operativo e di prevenzione, che dovrà stabilire una procedura che contempli misure ulteriori e aggiuntive, capace di affrontare la variabilità dei valori che si manifesta in special modo in caso di piogge intense. Pescara ne soffre da sempre, come ne soffrono anche altre città adriatiche, ad esempio Rimini e che si possono gestire salvaguardando sia la salute della cittadinanza e dell’ambiente, che il comparto turistico balneare. Il lavoro strutturale per consolidare la migliore qualità delle nostre acque è avviato, come sono concreti procedure e interventi sia sul fronte depurativo che sul porto e la costa, perché abbiamo affrontato il problema e vogliamo arrivare alla miglior soluzione”. Pescara 25 maggio 2017 | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente. In SecondaPagina su AN24.