Auto, siglato al MiSE il protocollo per investimento in R&S da 150 milioni. Firma anche l’Abruzzo

Le ultime in materia di sviluppo imprenditoriale e occupazionale | Pescara – 26 maggio 2017. Il Ministero dello Sviluppo Economico, le Regioni Abruzzo, Piemonte, Campania e la Provincia Autonoma di Trento hanno siglato oggi a Roma, presso la sede del Ministero, un protocollo d’intesa con FCA e il Centro Ricerche Fiat a fronte di un piano di attivita’ di ricerca e sviluppo incentrato sul Veicolo per la mobilita’ del futuro e la Fabbrica Intelligente, che include anche gli aspetti legati al fine vita nell’ottica di economia circolare. Sono quattro le linee di progetto indipendenti che verranno sviluppate nei siti piemontesi di Orbassano e Torino, di Pomigliano d’Arco (Napoli) e di Trento: la prima e’ finalizzata allo sviluppo di tecnologie mirate al miglioramento dell’efficienza dei motori, la seconda e’ relativa alle nuove tecnologie per lo sviluppo delle architetture ibride, la terza e’ rivolta alle tecnologie di comunicazione per il veicolo connesso geolocalizzato e la quarta fa riferimento ad un processo di sviluppo prodotto e tecnologico totalmente digitalizzato. Questi progetti confermano la scelta strategica di voler rafforzare la presenza FCA in Italia e di investire nei Centri di Eccellenza nella R&S, con ricadute positive per le Regioni ed il Sistema Paese, sia rispetto ai centri tecnici coinvolti direttamente nelle attivita’ di Ricerca e Sviluppo, sia su tutti gli stabilimenti italiani, che dovranno industrializzare e produrre i nuovi modelli ed i sistemi di propulsione loro associati in base alle normative 2020. Il protocollo d’intesa prevede un investimento complessivo in R&S pari a oltre 150 milioni di euro ed e’ teso o sostenere la competitivita’ del settore automotive italiano che nel 2016 ha visto proseguire il trend positivo avviato nel 2015 per quanto riguarda la produzione di autoveicoli in Italia, cresciuta del 9%, per un totale di 1.103.000 unita’. I volumi delle autovetture destinati all’estero rappresentano il 56% della produzione domestica. Lo riporta una nota diffusa, poco fa, dal servizio stampa di Abruzzo Sviluppo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 14, anche sulle pagine del portale web della societa’ in house della Regione Abruzzo, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. L’export, con oltre 716.000 autoveicoli, ha registrato una crescita del 5% nel 2016, agendo da traino sulla produzione italiana, insieme alla domanda interna: nel 2016, sono stati immatricolati nel nostro Paese 2,05 milioni di autoveicoli (+18,9% sul 2015). Per le autovetture, il mercato ha superato 1,82 milioni di unita’ vendute (+16%) mentre i veicoli commerciali hanno registrato un incremento del 51%. In questo contesto si inseriscono le attivita’ del Gruppo FCA che ha 162 stabilimenti in tutto il mondo, un fatturato di 111 miliardi di euro e impiega circa 231 mila dipendenti di cui oltre 65 mila in Italia. Circa 20 mila addetti sono impegnati in attivita’ di ricerca e sviluppo, con un investimento, nel 2016, di 4,2 miliardi euro. I Centri di ricerca in tutto il mondo sono 87. L’iniziativa annunciata oggi e’ coerente con le linee di politica industriale del Piano Nazionale Industria 4.0 varato dal Governo italiano, grazie al quale si intende accompagnare e supportare gli investimenti a maggior contenuto tecnologico ed innovativo del sistema produttivo del Paese per cogliere le opportunita’ della cosiddetta ‘quarta rivoluzione industriale’, ovvero la trasformazione digitale del manifatturiero, intesa come l’insieme dei cambiamenti associati all’utilizzo delle tecnologie digitali in tutti i comparti industriali. Abruzzo, economia circolare, Fabbrica Intelligente, FCA, Fiat, Industria 4.0, Ministero dello Sviluppo Economico, sviluppo | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web di Abruzzo Sviluppo. In SecondaPagina su AN24.