L’Aquila. AVEZZANO – eseguita una misura cautelare in carcere

Le ultime notizie dalle Questure | L’Aquila – 05 giugno 2017. Nella mattinata odierna il personale della Polizia di Stato ha dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un ventottenne avezzanese con pregiudizi di polizia. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, poco fa, dal servizio informativo della Questura di L’Aquila. I dettagli della nota, della quale viene riportato l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 17, anche mediante il sito internet della Polizia di Stato, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. L’uomo era stato tratto in arresto in flagranza di reato nel maggio scorso, dallo stesso personale che oggi lo ha tradotto in carcere, perché dedito ad una attività di spaccio di cocaina e crack, effettuata dal proprio domicilio attraverso una finestra posteriore situata al piano terra. L’attività di indagine posta in essere dal personale della Squadra Anticrimine del Commissariato di Avezzano aveva accertato numerose cessioni di sostanza stupefacente tipo crack a vari assuntori, segnalati alla competente Prefettura. Proprio nei confronti di una assuntrice di sostanze stupefacenti, sua cliente, il giovane, una volta scarcerato e posto agli arresti domiciliari, aveva indirizzato gravissime minacce di morte tramite i social network, perché convinto che la donna avesse avuto un ruolo particolare come testimone nelle indagini condotte nei suoi confronti. Le ripetute minacce di future vendette hanno ingenerato nella donna un perdurante stato di paura, per cui, pochi giorni dopo il termine dell’esecuzione della misura cautelare, il G.I.P. presso il Tribunale di Avezzano, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha ritenuto di emettere un nuovo provvedimento restrittivo. L’uomo è stato dunque associato alla Casa Circondariale di Avezzano. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dalla Polizia di Stato. In PrimaPagina su AN24.