Abruzzo, Consiglio regionale. Chieste garanzie sul futuro di Cotir e Crab

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 07 giugno 2017. “Chiedo che il governo regionale, attraverso il Consiglio regionale, si esprima su come intenda affrontare la crisi relativa ai centri di ricerca Cotir di Vasto e Crab di Avezzano visto che assistiamo solo a un assordante silenzio circa il loro futuro e pretendo un tavolo tecnico con il Presidente D’Alfonso visto che l’assessore Pepe su questo argomento e’ latitante da diverso tempo”. Queste sono le richieste avanzate dal Consigliere regionale Mauro Febbo nel corso della seduta consiliare riunitasi ieri a L’Aquila. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, poco fa, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 15, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. “Dopo le mie pressanti sollecitazioni all’apertura del Consiglio – riferisce Febbo – sono riuscito finalmente a far sedere il Presidente D’Alfonso, unitamente ai Capigruppo e al Consigliere regionale Mario Olivieri, intorno a un tavolo di lavoro per affrontare il destino di questi due enti che tutt’oggi si trovano ancora in liquidazione senza intravedere fino ad oggi una prospettiva certa per il loro futuro. Ormai assistiamo al declino di queste strutture che purtroppo coinvolge i lavoratori in attesa da troppo tempo di risposte concrete da un governo regionale inconcludente e pasticcione”. “Infatti – continua Febbo – durante l’incontro di ieri, D’Alfonso tira fuori dal suo cassetto la DGR appena approvata in Giunta, guarda caso, dove si evince come il Crab sia nella possibilita’ finanziaria di uscire dalla fase di liquidazione e contestualmente assorbire anche una parte dei lavoratori del Cotir. Da questo atto si presume che il Cotir chiuda definitivamente mentre i suoi ricercatori verrano assorbiti dal Crab e gli altri lavoratori dovrebbero essere collocati altrove. Chiaramente la riunione non e’ stata esaustiva e su diversi passaggi ho chiesto che venga fatta piu’ chiarezza in modo che venga determinato soprattutto il destino di tutti i lavoratori del Cotir. Pertanto con la supervisione del Presidente Di Pangrazio si e’ stabilito di portare avanti un specifica Commissione alla quale paretciperanno sia il sottoscritto sia il consigliere regionale Mario Olivieri sia il consigliere Pietro Smargiassi e gli assessori Pepe e Paolucci , oltre ai Dirigenti settoriali che di volta in volta saranno convocati. Una ipotesi di soluzione che non mi soddisfa affatto soprattutto perche’ in questi tre anni questo governo regionale ha ignorato la problematica della ricerca in agricoltura arrivando a un totale depauperamento sia intellettuale sia della struttura riducendoli all’attuale collasso. Ho dato la disponibilita’ a partecipare a questo Comitato perche’ non voglio sottrarmi a sostenere le ragioni dei lavoratori ma le responsabilita’ e l’esito di questa vicenda ricadono tutte sulla responsabilita’ di questo Governo e maggioranza di centrosinistra, nonche’ di quegli amministratori locali del PD e sinistra che prima era saliti sui tetti ed oggi non hanno mosso un dito per la soluzione della vertenza come il sindaco di Vasto. I lavoratori in questi tre anni hanno continuato a lavorare e per i loro stipendi dovranno ancora aspettare mesi mentre si poteva intervenire molto prima come ampiamente denunciato, con una specifica Legge di unificazione al fine di portare sia il Cotir sia il Crab fuori dallo stallo e dall’attuale crisi economica finanziaria. Dal canto mio continuero’ ad attenzionare questa problematica poiche’ riconosco il valore sia dei due centri di ricerca sia dei suoi lavoratori”. In SecondaPagina su AN24. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.