Abruzzo, Consiglio regionale. Modifcare la legge istitutiva del Garante detenuti

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 08 giugno 2017.   Il Consigliere regionale Giorgio D’Ignazio interviene sulla nomina del Garante dei detenuti in Abruzzo : “Puntualmente rimandata la nomina del garante dei detenuti inserita all’ordine del giorno di ogni Consiglio regionale dall’11 agosto 2015. Questa vergognosa vicenda abruzzese – spiega D’Ignazio – sta avendo ripercussioni serie negli otto istituti penitenziari a causa della mancanza di una figura che riuscirebbe sicuramente a migliorare le condizioni di vita dei detenuti e di tutti gli operatori penitenziari. Credo che il nome di Rita Bernardini ci trovi tutti d’accordo perche’ non si pongono in discussione le sue capacita’ e competenze professionali. Dobbiamo garantire sicurezza ai cittadini sottoposti a misure restrittive all’interno del sistema che manca di uno strumento che si faccia garante delle condizioni di vita degli essere umani rinchiusi negli istituti penitenziari abruzzesi, nei centri di accoglienza per migranti, negli ospedali psichiatrici giudiziari. Si riveda altrimenti la legge “Acerbo” – conclude D’Ignazio – modificando le modalita’ di voto e prevedendo una maggioranza semplice e non quella dei due terzi, cosi’ da ridare dignita’ alla nostra Regione. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, oggi, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 13, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. ” In SecondaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.