Chieti. Arrestato spacciatore

Le ultime notizie dalle Questure | Chieti – 16 giugno 2017. Droga nascosta negli slipGli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Vasto hanno arrestato un uomo di etnia rom, residente a Vasto, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il soggetto, per reati precedentemente commessi, era già sottoposto alla detenzione domiciliare con l’applicazione del braccialetto elettronico. A seguito di accertamenti e controlli finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli operatori della Squadra Anticrimine, da tempo, avevano riscontrato un intenso andirivieni di persone dedite all’uso di sostanze stupefacenti nei pressi dell’abitazione del predetto. In particolare nello scorso mese di maggio, constatata la presenza di alcuni tossicodipendenti, i poliziotti avevano effettuato un mirato servizio di appostamento e osservazione nelle zone adiacenti l’abitazione dell’uomo, decidendo così di effettuare un’irruzione all’interno dell’appartamento. Sul tavolo della cucina veniva trovata la somma di circa 55,00 euro, provento di una precedente cessione di sostanze stupefacenti, e occultato negli slip dell’uomo, si rinveniva un involucro di cellophane trasparente contenente gr. 8 di cocaina. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, poco fa, dal servizio informativo della Questura di Chieti. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 10, anche mediante il sito internet della Polizia di Stato, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Stupefacente e denaro venivano sequestrati. Considerato che lo spacciatore era stato già condannato in secondo grado alla pena di anni quattro e mesi sei di reclusione, nonché al pagamento di una multa di euro 1500 per il reato di concorso in rapina aggravata, la Corte d’Appello dell’Aquila, per i fatti su descritti, revocava la detenzione domiciliare e sottoponeva il predetto al regime carcerario. Inoltre, parallelamente, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vasto, informata dal locale Commissariato di P.S., avanzava richiesta di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Il provvedimento veniva emesso nei giorni scorsi dal G.I.P. del Tribunale di Vasto e notificato in carcere dai poliziotti, in considerazione della elevata e allarmante pericolosità sociale del predetto. Continua, così, l’incessante l’attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti da parte del personale della Polizia di Stato del Commissariato di Vasto. | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa della Polizia di Stato. In PrimaPagina su AN24.