Chieti. Arrestato per rapina

Le ultime notizie dalle Questure | Chieti – 19 giugno 2017. Pregiudicato marocchino in carcereIl personale della Polizia di Sato, appartenente al Commissariato di P.S di Vasto, ha arrestato un uomo di anni 33, noto pregiudicato di origini marocchine, domiciliato a Vasto, in esecuzione dell’ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pescara. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, oggi, dal servizio informativo della Questura di Chieti. I dettagli della nota, della quale viene riportato l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 13, anche mediante il canale web della Polizia di Stato, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. Il provvedimento è stato emesso in sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari a cui l’uomo era sottoposto dallo scorso mese di aprile per rapina aggravata, commessa nella città di Pescara. Il predetto, in concorso con altre persone, si era introdotto all’interno di un ristorante e aveva colpito a pugni un dipendente del locale, per farsi consegnare con violenza e minaccia il denaro contenuto nella cassa. In seguito veniva sottoposto agli arresti domiciliari a Vasto presso l’abitazione di una sua conoscente. Successivamente, a seguito di altri reati, aveva subito un aggravamento della misura a cui era sottoposto ed era stato sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere, presso la Casa Circondariale di Vasto. Nello scorso aprile aveva avuto nuovamente la concessione degli arresti domiciliari presso la predetta abitazione, con il divieto di allontanarsi senza autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria e con il divieto di comunicare con qualsiasi mezzo, con persone diverse da quelle con lui conviventi. L’08 giugno, nel corso di controlli mirati, finalizzati alla verifica del rispetto delle prescrizioni cui sono sottoposti i soggetti destinatari di misure di prevenzione e cautelari disposte dall’Autorità Giudiziaria, gli operatori della Squadra Volante del Commissariato hanno proceduto al controllo nell’abitazione dell’uomo, sorprendendolo prima in compagnia di tre connazionali e successivamente fuori dall’abitazione con altre persone. A carico del predetto risultano numerosi pregiudizi di polizia soprattutto per reati contro la persona. Più volte è stato denunciato anche per evasione dalla detenzione domiciliare e per inosservanza delle prescrizioni. Il Giudice del Tribunale di Pescara ha tenuto conto della personalità e particolare pericolosità sociale del soggetto, privo della capacità di autocontrollo e ne ha disposto l’aggravamento della misura cautelare. Dopo l’arresto l’uomo è stato associato alla Casa Circondariale di Vasto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa della Polizia di Stato. In PrimaPagina su AN24.