Abruzzo, Consiglio regionale. Balducci (Pd) replica alle opposizioni

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 27 giugno 2017. “Vergognosi” e “ai limiti della sopportazione” sono i tentativi delle opposizioni di strumentalizzare il rinvio della seduta odierna di Consiglio regionale, deciso per consentire al Presidente Luciano D’Alfonso – impegnato a Roma per una serie di importanti impegni istituzionali – di partecipare ai lavori consiliari, e per far si’ che la prima e seconda commissione esaminassero e approvassero il progetto di legge sul recupero ai fini abitativi delle superfici accessorie, del quale sono co-firmatario, che cosi’ potra’ essere varato nella seduta del 4 luglio”. E’ quanto dichiara il vice Capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Alberto Balducci. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 17, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. “Al M5S – prosegue Balducci – che vaneggia di un “Consiglio regionale che da sei mesi non produce atti concreti”, suggerisco di rileggere il resoconto dell’ultima seduta, quella del 6 giugno : “E’ stato approvato a maggioranza il progetto di legge in materia di Soccorso Alpino e Speleologico. Approvati tre provvedimenti amministrativi che riguardano le Ater di Pescara, L’Aquila e Lanciano e il piano di assetto naturalistico della Riserva Naturale “Sorgenti del Vera”. Inoltre, l’Assise regionale ha approvato il Rendiconto finanziario 2016 del Consiglio regionale”. Stiamo parlando di norme importanti, e potrei andare avanti citando le sintesi di ogni seduta svolta dall’inizio dell’anno “. “A Forza Italia – aggiunge il Consigliere del Pd – che straparla di un “evadere e scappare” da parte del centrosinistra dico che la maggioranza non solo non si sottrae al confronto ma sfida le opposizioni sul piano dei contenuti, perche’ a urlare siamo bravi tutti. Quei contenuti che loro – quando sono stati al governo della Regione – hanno perso per strada, poiche’ la consiliatura Chiodi e’ stata una delle piu’ improduttive della storia d’Abruzzo”. “A tutti – conclude Balducci – ricordo che i conti si fanno alla fine, ovvero a maggio 2019, in tempo per vedere che i polveroni provenienti dai banchi delle opposizioni si dimostreranno per quello che sono: nuvole di nulla”. | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente.