COMUNICAZIONE AI FORNITORI E CONSULENTI DI ABRUZZO SVILUPPO SPA

Le ultime in materia di sviluppo imprenditoriale e occupazionale | Pescara – 29 giugno 2017. Pescara, 29 giugno 2017 Comunicazione ai sensi dell’art. 17 ter DPR 633/72 del decreto 3 aprile n. 55 scissione dei pagamenti – art. 1, comma 629, lettera b), della Legge di Stabilita’ 2015 (L. n. 190/2014) estensione con art. 1 del D.L. N. 50/2017 del 24 aprile 2017 L’art. 1, comma 629, lettera b), della Legge di Stabilita’ 2015 (L.190/2014) ha introdotto per le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuati nei confronti della Pubblica Amministrazione il metodo della scissione dei pagamenti dell’IVA, cosiddetto ‘Split Payment’. L’art. 1 del D.L. n 50/2017 la esteso lo Split Payment anche alle Societa’ a controllo pubblico, fattispecie in cui rientra la in house regionale Abruzzo Sviluppo SpA, di cui Regione Abruzzo e’ Socio unico. Abruzzo Sviluppo SpA e’ pertanto tenuta a versare direttamente all’Erario l’IVA addebitata dai Fornitori e a pagare a questi ultimi il solo imponibile. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, oggi, dal servizio informazione e comunicazione di Abruzzo Sviluppo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 16, anche mediante il sito internet della societa’ in house della Regione Abruzzo, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia.   Tale meccanismo si applica alle operazioni fatturate a far data dal 1° luglio 2017. Non si applica, invece, agli acquisti di beni e alle prestazioni di servizi soggetti al ‘reverse change’. Si precisa, infine, che l’applicazione dello ‘Split Payment’ non comporta l’obbligo di emissione delle fatture in formato elettronico, pertanto per le fatture da inviare si potra’ continuare ad utilizzare il formato cartaceo. f.to il Presidente del CdA di Abruzzo Sviluppo SpA Manuel De Monte D.L. n 50/2017, split payment | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa di Abruzzo Sviluppo.