Abruzzo, Consiglio regionale. Ceta, Febbo: sostegno a iniziativa Coldiretti

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 05 luglio 2017. “Sono ad esprimere il mio piu’ profondo e convinto sostegno all’iniziativa intrapresa della Coldiretti, alleata con altre organizzazioni tra le quali Legambiente, Greenpeace, Slow Food International, Federconsumatori promossa per fermare il trattato di libero scambio con il Canada ovvero per approfondire la questione in Parlamento prima di assumere una decisione di ratifica che porterebbe ad un’indiscriminata liberalizzazione e deregolamentazione degli scambi con una vera e propria svendita del Made in Italy legittimando le imitazioni di tante eccellenze agroalimentari italiane.” E’ quanto dichiara il Consigliere regionale Mauro Febbo, Presidente commentando l’iniziativa in corso a Montecitorio e denominata #stopCeta. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, oggi, dal servizio informativo del Consiglio. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 15, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia.  “Ritengo giusto e doveroso – prosegue Febbo – ringraziare gli agricoltori veri che tutelano la nostra salute e le nostre produzioni sane che oggi hanno deciso di scendere in piazza per evitare che l’Italia ratifichi questo trattato sbagliato e pericoloso per l’Italia con cui l’Unione Europea si accinge a legittimare la pirateria alimentare a danno dei prodotti Made in Italy piu’ prestigiosi, accordando esplicitamente il via libera alle imitazioni che sfruttano i nomi delle tipicita’ nazionali visto e considerato che secondo il Dossier della Coldiretti, oltre 250 denominazioni di origine italiane riconosciute dall’Unione Europea non godranno di alcuna tutela sul territorio canadese.” “Spiace dover costatare – affonda Mauro Febbo – come anche in questa circostanza tanto il Presidente D’Alfonso, quanto l’assessore Pepe si nascondano dietro un assordante silenzio col quale si dimostrano yesman di scelte insensate ed umilianti di un’ Europa che non ci rappresenta e tutela palesandosi sostenitori del pensiero del Ministro Martina che dichiara di guardare all’accordo commerciale con il Canada come un’opportunita’. Per appoggiare le scelte degli esponenti di spicco del PD dimenticano di salvaguardare cio’ che abbiamo conquistato negli anni per le imprese, per i nostri agricoltori, per le produzioni d’eccellenza agroalimentari, per il nostro comparto agroalimentare settore trainante dell’intera economia regionale e per la nostra salute. Va infatti ricordato che tramite il CETA ci sarebbe un abbattimento dei dazi, ma anche delle norme e con esso anche la possibilita’ di arrivo di prodotti trattati da presidi fitofarmaci e antiparassitario consentiti in Canada, ma vietati in Italia.” “Pertanto – conclude Mauro Febbo – sono ad annunciare che presentero’ una risoluzione urgente in Consiglio Regionale affinche’ il governo regionale si mobiliti per evitare questa vergogna, difendendo la dignita’ ed il valore dei nostri agricoltori e dei nostri prodotti che chiedono rispetto e sicurezza”. In PrimaPagina su AN24. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.