M5S, «Tonfo dell’Abruzzo di D’Alfonso sull’occupazione, ma Gerosolimo festeggia»

Dal comunicato stampa pubblicato sul sito web del Movimento 5 Stelle | Pescara – 17 luglio 2017. « Politiche del lavoro inefficaci. Marcozzi (M5S): “-18000 occupati rispetto al primo trimestre dell’anno scorso” Sembra che la politica regionale viva su un altro pianeta. E’ quanto si legge in un comunicato pubblicato, poco fa, tramite il portale web del Movimento 5 Stelle Abruzzo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 10, anche mediante il canale web dello stesso Movimento 5 Stelle, sul quale ha trovato spazio la notizia. Rispetto al terzo trimestre dell’anno scorso la nostra regione ha perso 18.000 (diciottomila!) occupati, ma sembra che l’Assessore alle politiche del lavoro non se ne sia accorto. La flessione peggiore degli ultimi 10 anni con oltre 6.000 unita’ perse fra i lavoratori-dipendenti e ben 12.000 perse fra gli autonomi. ‘Abbiamo da sempre contestato l’impostazione strategica che questo governo regionale ha dato ai fondi europei, sia in termini di dotazioni che nella scelta dei programmi e i risultati, a distanza di tre anni, sono sotto gli occhi di tutti’ commenta Sara Marcozzi, consigliere regionale M5S ‘festeggiare 700 occupati in piu’, peraltro con un programma che non prevede stabilita’ delle posizione lavorative, significa non aver capito la gravita’ della situazione in cui sta sprofondando l’Abruzzo’. Nonostante i 2,3 miliardi di fondi europei che dal 2014, con estremo ritardo, cominciano a vedersi, i risultati di questo governo regionale sono terribilmente scarsi. Siamo ben lontani dai livelli di occupazione promessi nel 2014 dal candidato presidente Luciano D’Alfonso: +100.000 nuovi posti di lavoro e +40.000 nuove imprese. ‘Spero che questa maggioranza intraprenda una seria riflessione sulla situazione dell’economia nella nostra regione coinvolgendo le aziende, le rappresentanze sindacali e le associazioni di categoria delle PMI, mettendo sul piatto della bilancia quelle che sono le soluzioni che da mesi il M5S promuove. Riprogrammazione dei fondi strutturali verso politiche attive del lavoro, un patto fra imprese e lavoratori per lo sviluppo di contratti di solidarieta’ espansivi, finanziamento del credito, diminuzione del cuneo fiscale. Tutte soluzioni che anche chi oggi e’ al governo aveva promesso in campagna elettorale ma che non e’ stato in grado di mantenere’ conclude Marcozzi ‘il miliardo e mezzo del masterplan e la scelta di finanziare grandi (inutili) opere sta evidenziando le criticita’ che avevamo sempre denunciato. » | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dal Movimento 5 Stelle. In SecondaPagina su AN24.