De Palma: «Temperature elevate ma possibili fenomeni di instabilita’. Temperature in calo da venerdi’»

Meteo, il bollettino per l’Abruzzo | 10 agosto 2017. «Sulla nostra Penisola la pressione e’ in diminuzione a causa dell’avvicinamento di una perturbazione di origine atlantica, attualmente posizionata sulla Francia e sul Mediterraneo occidentale, preceduta da un flusso di correnti molto calde di origini nord-africane che, nelle prossime ore, favorira’ ancora temperature molto elevate sulla nostra Regione, con punte massime localmente superiori ai +40°C, specie nelle principali valli e sul versante orientale. Nel pomeriggio, tuttavia, assisteremo ad un graduale aumento dell’instabilita’ con possibili formazioni temporalesche che, dalle zone montuose, tenderanno ad estendersi verso il settore orientale e, occasionalmente, lungo la fascia costiera, attenuandosi entro la serata. E’ quanto emerge dall’analisi della situazione meteorologica a cura di Giovanni De Palma, Presidente dell’Associazione AbruzzoMeteo, da anni, ormai, autorevole voce scientifica del settore e punto di riferimento per tutti coloro che seguono le previsioni meteo circa la nostra regione. Nello specifico, il bollettino a cura di Giovanni De Palma e’ stato diramato alle 07, sul sito web abruzzometeo.org, portale dell’omonima associazione guidata proprio dallo stesso De Palma. Dalla tarda nottata saranno possibili nuovi addensamenti a partire dal settore occidentale con possibilita’ di precipitazioni, mentre nella giornata di venerdi’ saranno presenti annuvolamenti con possibili precipitazioni, in attenuazione in mattinata me con possibili nuovi fenomeni di instabilita’ a partire dal pomeriggio-sera e in nottata. Tra la nottata di venerdi’ e la tarda mattinata di sabato, tenderanno a svilupparsi addensamenti consistenti associati a rovesci, anche a carattere temporalesco, localmente di forte intensita’, accompagnati da venti settentrionali in rinforzo e temperature in generale diminuzione. Da domenica e’ atteso un nuovo miglioramento delle condizioni atmosferiche.

Sulla base di tale analisi, il livello di attenzione in Abruzzo per eventuali fenomeni intensi viene stimato come relativamente basso e fissato a ‘L1′ su una scala che va da ‘0’ a ‘3’

Sulla nostra Regione si prevedono condizioni iniziali di cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso con possibili annuvolamenti al mattino nel teramano e sulle zone montuose ma, nel corso del pomeriggio, saranno possibili formazioni temporalesche a partire dalle zone montuose, in estensione verso il settore orientale e, localmente, lungo la fascia costiera. Possibili fenomeni di forte intensita’ sulle zone pedemontane e collinari che si affacciano sul versante adriatico: non si escludono grandinate attenzione. Temperature ancora molto elevate a causa delle correnti meridionali e del possibile Garbino sul versante orientale, specie sulle zone collinari e nelle principali valli che si affacciano sul versante adriatico, con punte massime localmente superiori ai +40°C, mentre lungo la fascia costiera i valori risulteranno piu’ bassi ma caratterizzati da umidita’ molto elevata. Da stanotte e’ previsto un nuovo aumento della nuvolosita’ a partire dal settore occidentale. Temperature: Generalmente stazionarie ma ben al disopra delle medie stagionali. La tendenza e’ verso una progressiva diminuzione a partire da venerdi’. Venti: Deboli dai quadranti sud-orientali con rinforzi lungo la fascia costiera; deboli o moderati dai quadranti sud-occidentali sulle zone montuose e sulle zone collinari che si affacciano sul versante adriatico. Mare: Generalmente poco mosso o localmente mosso. » | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: bollettino meteo a cura di Giovanni De Palma. In SecondaPagina su AN24.