Abruzzo, Consiglio regionale. Femminicidio: ‘Una app per arginare il fenomeno’

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 18 agosto 2017. “L’ultimo caso ieri mattina. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, poco fa, dal servizio stampa del Consiglio Regionale. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 14, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Mira, provincia di Venezia. Luigi fa il poliziotto, Sabrina l’infermiera e da circa un ventennio sono sposati e hanno due figli di 17 e 15 anni. Da diverso tempo non vanno piu’ d’accordo. La vacanza in Croazia dalla quale sono appena tornati non ha sortito l’effetto di farli riappacificare. Il matrimonio scricchiola. Sono le 9. Ennesimo litigio, questa volta molto piu’ intenso dei precedenti. Luigi prende un coltello da cucina e lo conficca nel fianco di sua moglie. Sabrina e’ immersa nel suo sangue ma riesce ugualmente a uscire di casa. Le sue grida di aiuto sono strazianti. Inciampa, perde l’equilibrio e nei pressi del giardino cade a terra. Il marito, con una calma gelida, la raggiunge, estrae la pistola e le spara alla testa. Un’esecuzione. Pochi attimi dopo, il poliziotto indirizza l’arma contro se stesso e preme il grilletto. Due vite spezzate in pochi istanti. E due adolescenti che si ritrovano orfani. Da diversi anni a questa parte, ogni 3 giorni, una donna viene uccisa per mano di colui il quale le ha giurato amore eterno o a causa di ex fidanzati o stalker. Una mattanza. Numeri che fanno accapponare la pelle. Modalita’ di uccisione nelle quali la crudelta’, purtroppo, ha un ruolo di primissimo piano. Dovere della politica e’ quello di tentare di arginare, soprattutto grazie alle nuove tecnologie, un fenomeno devastante che oramai e’ diventato una vera e propria piaga sociale”. Con queste parole il Consigliere Leandro Bracco ha presentato una proposta legislativa che in questi giorni ha ultimato e che si accinge a protocollare alla riapertura dei lavori all’Emiciclo. “Il progetto di legge che ho elaborato – spiega l’esponente di Sinistra Italiana – prevede la realizzazione di un’applicazione software per dispositivi mobili. Questa applicazione avra’ due caratteristiche chiave: da un lato permettera’ a tutte le donne che la scaricheranno di memorizzare dieci numeri di telefono da contattare in tempo reale e simultaneamente in caso di pericolo. Dall’altro sara’ dotata di un sistema di geolocalizzazione che consentira’ di conoscere a coloro i quali riceveranno la richiesta di aiuto il luogo esatto in cui si trova la donna in pericolo”. “Premendo un tasto del telefono cellulare – evidenzia Bracco – la persona la cui incolumita’ e’ a rischio inviera’ la richiesta di aiuto alle dieci persone in precedenza selezionate”. “La tragica morte, due mesi fa, dell’oncologa di Roseto degli Abruzzi Ester Pasqualoni mi ha colpito parecchio soprattutto per il fatto che quella donna era tormentata da ben dieci anni da uno stalker che poche ore dopo averla barbaramente assassinata, ha deciso di porre fine alla propria esistenza impiccandosi in un appartamento di Martinsicuro”. “Nella stragrande maggioranza dei casi – rileva il Consigliere – cio’ che arma la mano degli assassini e’ una frase ben specifica che dentro loro stessi urla: ‘O mia o di nessun altro'”. “Sono estremamente fiducioso che questa proposta di legge verra’ condivisa da tutti i colleghi dell’Emiciclo e in primis dall’assessore alle Politiche sociali Marinella Sclocco. Di fronte alla carneficina di donne cui quotidianamente la cronaca ci mette di fronte – conclude Leandro Bracco – sono convinto che sia compito di tutte le forze politiche, nessuna esclusa, mettere da parte le legittime rivalita’ partitiche al fine di cercare di dare una risposta costruttiva e un aiuto concreto a tutte quelle donne che quotidianamente vivono nel terrore e nella paura”. In PrimaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.