Teramo. Scuole: arrivano i MUSP

Le ultime dal Comune di Teramo | Teramo – 22 agosto 2017. Il Governo conferma la disponibilità dei MUSP per 889 studenti delle scuole teramane. Tale numero emerge dai dati relativi alle scuole inagibili, per le quali nessun intervento è stato ancora finanziato dal Commissario per la Ricostruzione Vasco Errani. Allo stato attuale, risultano infatti finanziate la ricostruzione con adeguamento sismico della Scuola Elementare San Giuseppe, per un totale di 4.100.000 euro, e l’intervento di 233.000 euro per la ristrutturazione e l’adeguamento sismico della Scuola di Villa Ripa. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, in giornata, dal servizio informativo del Comune di Teramo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 18, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. Va ricordato che l’operazione che interessa la Scuola San Giuseppe, si sposa con l’intervento previsto per il vecchio stadio comunale, nel bando per le periferie, per il quale è già stata approvata una perizia di variante che al posto di un bike-hotel nell’ex settore della Tribuna, prevede la realizzazione di una stecca a tre piani; il tutto andrà a costituire un polo di circa 900 studenti in prossimità del Centro Storico.I moduli per la sistemazione provvisoria degli alunni saranno installati nell’area adiacente la Scuola Media D’Alessandro. La scelta è andata su tale sito perchè esso risponde ad alcuni requisiti esplicitamente richiesti dal Ministero, e precisamente:• la scuola è già stata sottoposta a verifiche di vulnerabilità sismica;• l’area è di proprietà comunale;• la destinazione della stessa, nel PRG, è ad “uso scolastico”;• è geologicamente idonea all’intervento;• è parzialmente dotata di infrastrutture primarie.Gli uffici comunali sono al lavoro per definire uno studio di fattibilità necessario al miglioramento della viabilità principale; va anche tenuto conto, in questo senso, che l’area si trova in prossimità del Lungofiume dove già è realizzata una pista ciclo-pedonale e che la stessa area rientra nel progetto “MoveTe” per la viabilità sostenibile (clicca qui per saperne di più). I Musp rappresenteranno una sorta di struttura jolly, così da consentire l’esecuzione dei lavori nelle scuole per le quali si procederà all’adeguamento e in attesa della realizzazione del nuovo polo.Comunque il Sindaco garantisce la riapertura delle scuole il prossimo 11 Settembre, senza ricorrere al doppio turno; pertanto, allo scopo di costituire eventuali aule da utilizzare al posto delle scuole non utilizzabili, il Sindaco ha chiesto alle Dirigenti scolastiche di fornire una dettagliata relazione circa la disponibilità di spazi all’interno dei propri istituti. Con questi ed altri che saranno messi a disposizione della Provincia e dall’Università, sarà possibile la puntuale ripresa delle attività scolastiche.Intanto si avviano a conclusione le verifiche in LC3 –un livello di analisi più approfondito – delle sei scuole che hanno fatto registrare i dati più bassi: De Jacobis, Fornaci-Cona, Molinari, Piano della Lenta, san Berardo, san Giorgio. I dati che emergeranno, e con essi l’indicazione degli eventuali interventi, dei costi e dei tempi di lavorazione, serviranno per redigere una mappa dei lavori da avviare. | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente. In SecondaPagina su AN24.