Abruzzo, Consiglio regionale. Febbo e Sospiri: No a chiusura caccia per due anni

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 30 agosto 2017. “Il Presidente D’Alfonso e l’assessore regionale Pepe non permettano che in Abruzzo si blocchi la caccia per due anni nei territori colpiti dagli eventi incendiari come proposto da alcune sigle ambientaliste e dall’Ispra, poiche’ riteniamo tale decisone assurda, scellerata e non supportata scientificamente che andrebbe solo a danneggiare ulteriormente ed esclusivamente sia il mondo agricolo sia quello venatorio”. Questa la richiesta avanzata dai consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri che in una lettera inviata al mondo venatorio esprimono tutta a loro preoccupazione econtrarieta’ all’ipotesi di chiusura dell’attivita’ venatoria e invitano sia gli agricoltori sia i cacciatori ad “intervenire presso le rispettive rappresentanze nazionali affinche’ vi sia una posizione netta e chiara contro una tale eventuale sciagurata disposizione. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, oggi, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 14, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. L’ipotesi di chiusura della caccia in molte Regioni italiane – si legge nella missiva a firma di Febbo e Sospiri – e’ un punto iscritto all’ordine del giorno della prossima conferenza della Commissione Politiche Agricole delle Regioni dove la Regione Abruzzo deve opporsi evitando di subire tale decisone. Infatti ci aspettiamo sia da D’Alfonso sia da Pepe un presa di posizione netta e chiara per difendere il nostro territorio poiche’ bloccare la caccia significherebbe creare le condizioni per arrecare ulteriori danni al mondo agricolo e quello venatorio. Oltremodo riteniamo anche ingiustificata la richiesta delle associazioni ambientaliste poiche’ nelle aree boschive incendiate vige per legge nazionale il blocco dell’attivita’ venatoria per dieci anni. Poi per la Regione Abruzzo si tratterebbe di una vera assurdita’, data la percentuale di territorio interessato rispetto al totale del patrimonio boschivo peraltro gia’ incluso per la stragrande maggioranza in aree protette”. “Evidentemente queste associazioni puntano a una preclusione a priori della caccia piuttosto che a risolvere il problema vero e proprio. Inoltre – continuano Febbo e Sospiri – chiediamo che una proposta del genere venga portata all’attenzione dell’intero Consiglio regionale per essere discussa con il coinvolgimento del mondo agricolo e quello venatorio poiche’, siamo ben consapevoli, come devono essere coinvolti invece i veri protagonisti di tutte quelle attivita’ di gestione, prevenzione e controllo dei territori”. “Quindi crediamo che sia arrivato il momento di far sentire la vostra voce e mostrare il nostro dissenso da certe incomprensibili decisioni. Crediamo che il mondo venatorio, e a caduta quello agricolo, non possano piu’ subire lo stress ambientalista e vedere nel “blocco della caccia” la risoluzione di tutti i problemi. Pertanto – concludono Febbo e Sospiri – chiediamo al Presidente D’Alfonso ed al suo delegato alla caccia di intervenire e opporsi fermante all’ipotesi di chiusura della caccia di due anni in Abruzzo altrimenti subiremmo da questo Governo nazionale un ulteriore danno a svantaggio dei nostri agricoltori e cacciatori”. In PrimaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.