Abruzzo, edimo: Lolli, allo studio soluzioni per lavoratori e imprese

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | L’Aquila, 6 mag. – Ci vorranno tempo e costanza per trovare soluzioni per tutelare lavoratori e aziende rimasti coinvolti nel fallimento della Edimo Spa. Lo riporta una nota diffusa, poco fa, dal servizio informativo della Regione Abruzzo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 16, anche sulle pagine del portale web dell’ente, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. È quanto emerso dalla riunione convocata dal vicepresidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli, con la proprieta’, i sindacati e tutti i soggetti interessati dal fallimento dell’azienda edile di Poggio Picenze. Numeri alla mano, la procedura concorsuale della Edimo Spa interessa 290 lavoratori direttamente assunti nelle aziende del Gruppo, ma "il numero – chiarisce subito Giovanni Lolli – e’ destinato a crescere notevolmente se si guarda all’indotto e a tutte quelle piccole aziende che avevano rapporti con la Edimo". Dei circa 300 lavoratori coinvolti, una cifra intorno ai 150 potrebbe essere ricollocata nel giro di qualche mese, ma si tratta di una stima fatta dalla proprieta’ verso la quale i sindacati si sono mostrati perplessi. La realta’ dice che attualmente tra tutte le aziende del Gruppo, sono in attivita’ poche decine di lavoratori, che circa 120 hanno avviato procedure di mobilita’, che altri stanno fruendo della cassa integrazione ordinaria e straordinaria e che altri sono stati espulsi dal mondo del lavoro senza alcun ammortizzatore sociale. Da ultimo, la notizia, delle lettere di licenziamento per i 35 dipendenti della holding che si occupava dei servizi di tutte le societa’ del Gruppo la meta’ dei quali potrebbe essere ricollocata, secondo quanto ha detto Taddei, nelle singole societa’. "Come si vede – ha detto Lolli al termine della riunione – ci troviamo di fronte ad una vertenza difficile e complessa, dai risolti imprevedibili, e comunque sottoposta anche alle decisione del tribunale fallimentare. Per questo dobbiamo essere chiari nel dire che per una parte dei lavoratori potrebbero aprirsi spiragli di soluzioni per altri invece no. Le aziende del Gruppo Edimo operano in diversi campi produttivi, che vanno dall’edilizia fino all’acciaio pesante, per cui le esigenze di mercato variano da azienda ad azienda. In questa sede – ha aggiunto Lolli – e’ importante sottolineare che la Regione ha aperto un tavolo politico-istituzionale che non puo’ occuparsi di questioni sindacali. Vuole invece occuparsi delle vicende dei lavoratori e delle imprese ma anche della ricostruzione in quanto un’azienda del Gruppo ha in gestione cantieri importanti quali quello dei Sottoservizi che e’ strategico per la ricostruzione della citta’. In questo senso – ha concluso Lolli – in accordo con la proprieta’ e l’Ance abbiamo deciso di farci fornire l’elenco delle piccole imprese che hanno rapporti commerciali con la Edimo Spa per trovare soluzioni, nel rispetto delle legge, da permettere a queste aziende di sopravvivere". Iav | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente. In PrimaPagina su AN24.

Leggi anche...