Montesilvano. Raccolta differenziata, il Comune cerca un immobile per realizzare il centro di raccolta e riuso

Le ultime dal Comune di Montesilvano | Montesilvano – 07 settembre 2017. Prosegue il percorso volto a potenziare la raccolta differenziata dei rifiuti a Montesilvano. Dopo l’introduzione del sistema di raccolta porta a porta che ha coinvolto oltre 2000 utenze, con percentuali di differenziazione dei rifiuti che hanno superato l’80% nella zona collinare, l’Amministrazione ha ora indetto un’indagine esplorativa per reperire in locazione un immobile da adibire a centro di Raccolta e del Riuso.Entro il 27 settembre alle 12 sara’ possibile presentare la propria manifestazione di interesse, indicando l’immobile proposto.«La realizzazione di questo centro di raccolta – dichiara l’assessore all’Igiene Urbana Paolo Cilli – e’ un atto necessario e determinante nel progetto di attivazione della raccolta porta a porta su tutto il territorio. Con l’introduzione in fase sperimentale che ha coinvolto per il momento solo la parte collinare di Montesilvano e che a breve verra’ estesa anche nelle zone a nord e a sud della citta’, abbiamo constatato gli effetti benefici della raccolta porta a porta, l’unica capace di far cambiare rotta. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, poco fa, dal servizio stampa del Comune di Montesilvano. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 17, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Siamo quindi determinati ad andare avanti in questo percorso, strappando la maglia nera che fino ad oggi purtroppo Montesilvano ha indossato per quanto riguarda la raccolta differenziata».L’area, oggetto dell’indagine esplorativa, dovra’ avere una superficie complessiva di oltre 2.500 mq, con superficie coperta di 1.000 mq, mentre quella esterna, di forma regolare libera di almeno 1.500 mq. Le caratteristiche relative ad altezza, pavimentazione, impiantistica del capannone saranno oggetto di valutazione. L’area potra’ essere ubicata su tutto il territorio, con preferenza per le zone destinate ad attivita’ artigianali ed industriali, escludendo Montesilvano Colle e la zona classificata a rischio esondazione. I locali presenti dovranno essere provvisti di agibilita’ e il bene dovra’ essere dotato di impianto per il trattamento di acque di prima pioggia o, in alternativa, il locatore si impegna ad effettuare i lavori di sistemazione, a propria cura e spese, entro 60 giorni dall’affidamento, nelle more della stipula del contratto, che avra’ una durata di 7 anni e prevede la formula del riscatto.Le domande dovranno essere indirizzate a Comune di Montesilvano – Settore Patrimonio Attivita’ Tecnologiche e Protezione Civile -, piazza Diaz, 1, 65016 Montesilvano. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.