Teramo. Housing Sociale in via Longo, un nuovo passo in avanti

Le ultime dal Comune di Teramo | Teramo – 08 settembre 2017. Su indirizzo del Sindaco Maurizio Brucchi, la Giunta municipale ha approvato una delibera inerente il progetto di Housing Sociale, con la quale vengono sanciti i termini di un accordo operativo di collaborazione con Fondazione Patrimonio Comune. L’intesa è finalizzata a verificare la sostenibilità e fattibilità della proposta ricevuta da “INVESTIRE SGR” in relazione al progetto stesso e a sottoporre l’operazione al mercato secondo la procedura ad evidenza pubblica. Lo riporta una nota diffusa, in giornata, dal servizio informativo del Comune di Teramo. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 10, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. La Fondazione Patrimonio Comune, è una struttura tecnica dell’ANCI delegata proprio allo sviluppo e alla promozione di attività inerenti il patrimonio pubblico.L’accordo di collaborazione comporta una spesa di €. 20.000,00 posta integralmente a carico del soggetto che risulterà aggiudicatario della Gara di evidenza pubblicaIl Progetto “Housing Sociale e politiche per la casa” è stato previsto come intervento strategico per il recupero e la riqualificazione Urbanistica delle aree ex PEEP di via Longo, la più importante concentrazione di edilizia pubblica di proprietà comunale, comprendente edifici costruiti tra gli anni 1954 e 1960 e attualmente caratterizzata da un generalizzato degrado edilizio e urbanistico.Il Comune di Teramo ha ricevuto, il 7 novembre 2016 da “INVESTIRE SGR” S.p.A, .una manifestazione di interesse per l’acquisto e successivo sviluppo dell’iniziativa di housing sociale da parte del Fondo “HS Italia Centrale”, avente quale finalità quella di gestire e valorizzare il patrimonio pubblico realizzando investimenti al fine di contribuire ad incrementare la dotazione di alloggi sociali, nonché coniugando contenuti sociali ed obiettivi di redditività atti a realizzare condizioni di interesse, non solo economico, per potenziali investitori che si prefiggono anche finalità etiche. Il Comune intende verificare la sostenibilità e fattibilità della proposta e verificare, nel contempo, la possibilità di offrire l’operazione anche ad investitori professionali ed ad operatori del settore, secondo procedure ad evidenza pubblica.Considerata la complessità dell’operazione, l’Amministrazione Comunale ha ritenuto opportuno, prioritariamente, prendere contatti con la Fondazione Patrimonio Comune, che ha dato la propria disponibilità impegnandosi a svolgere l’attività concordemente con il gruppo di lavoro che all’uopo sarà istituito.04 settembre 2017 | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente. In SecondaPagina su AN24.