AL VIA A PINETO L’INDIRIZZO SCOLASTICO DI TECNOLOGIE DEL LEGNO

Le ultime dal Comune di Pineto | Pineto – 11 settembre 2017. Parte a Pineto l’indirizzo di “Tecnologie del Legno” dell’Istituto “A. Zoli” di Atri. La cerimonia di inaugurazione si è svolta questa mattina, alle ore 10:30, presso i locali della scuola media “Giovanni XXIII”, alla presenza dei 21 ragazzi che comporranno la classe, dei genitori, e delle autorità, tra cui l’Amministrazione comunale di Pineto, l’assessore regionale all’Istruzione Marinella Sclocco, il consigliere regionale Luciano Monticelli, il sindaco di Atri Gabriele Astolfi, la dirigente scolastica dell’Istituto “A. Zoli” Daniela Magno, il dirigente scolastico del “Giovanni XXIII” Gaetano Avolio, oltre a Licia Rastelli, dirigente di Aran World, Cleto Pallini, in rappresentanza del Polo Palm, e Angelo Bucci, dell’Università Europea del Design di Pescara. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, poco fa, dal servizio stampa del Comune di Pineto. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 14, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. “La nostra città è orgogliosa di ospitare questa scuola, che oltre ad essere una novità assoluta nel panorama formativo regionale ed italiano, è anche la prima classe di scuola superiore di Pineto”, ha commentato il sindaco Robert Verrocchio. “Siamo felici di accogliervi, anche perché voi sarete dei pionieri, visto che questo è il secondo indirizzo del genere attivato in Italia, con la grande possibilità di collaborazione con Aran, che è una realtà industriale di carattere internazionale”, ha dichiarato l’assessora all’Istruzione di Pineto Daniela Mariani. “Questo nuovo indirizzo, oltre che ad essere una novità per la comunità di Pineto, è anche importante perché crea un circolo virtuoso tra il mondo della formazione e il mondo del lavoro, mettendoli in collegamento e creando dunque opportunità per i ragazzi”, ha dichiarato l’assessora Sclocco. Oltre ad una lettera di benvenuto, l’Amministrazione comunale ha voluto donare ai ragazzi un tablet per i loro studi. “Questa che inizia è una bella avventura per tutti, perché voi siete i primi studenti in Abruzzo a frequentare questo indirizzo”, ha commentato la dirigente Magno, che ha anche lodato gli amministratori pubblici che hanno contribuito a far nascere a Pineto l’indirizzo di “Tecnologie del Legno”. L’indirizzo di “Tecnologie del Legno”, il secondo attivato in Italia, ha ottenuto il patrocinio di Confindustria Teramo, Cna Teramo, Camera di Commercio di Teramo, Polo Palm Abruzzo, e si svolgerà in collaborazione con l’Università Europea del Design di Pescara, per la formazione nell’ambito dell’Interior Design, e con tirocini all’interno dell’azienda ARAN World, azienda leader in Italia in progettazione, produzione e distribuzione di cucine, mobili per ufficio e armadi. Nell’opzione “Tecnologie del legno” sono approfondite, nei diversi contesti produttivi, le tematiche generali connesse alla progettazione, realizzazione e gestione di apparati e sistemi e alla relativa organizzazione del lavoro e sviluppate competenze adeguate alla realizzazione di prodotti in legno. La figura professionale ha, pertanto, competenze di tecnologie, design, progettazione e gestione, in termini economici e di strategie di marketing, delle aziende del settore legno. Grazie all’alternanza Scuola-Lavoro e alla sinergia con ARAN World, sin dal terzo anno i ragazzi potranno confrontarsi con i processi produttivi e con le maestranze di una eccellenza italiana e mondiale del mobile, acquisendo le necessarie abilità per confrontarsi con un mondo del lavoro altamente professionale. I diplomati in “Meccanica e Meccatronica” opzione “Tecnologie del legno” saranno tecnici di alto livello, che avranno grandi possibilità di entrare subito nel mondo del lavoro, vista la formazione a diretto contatto con l’azienda durante il percorso scolastico e vista la grande richiesta di figure tecnico-professionali di qualità di cui le floride aziende del settore operanti nel nostro contesto hanno bisogno. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.