Abruzzo, Consiglio regionale. Bando primo insediamento, Febbo: nulla di fatto

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 20 settembre 2017. “Tutto tace. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, poco fa, dal servizio informativo del Consiglio. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 14, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Dopo quasi venti mesi non abbiamo ancora nessuna graduatoria del ‘Pacchetto Giovani – primo insediamento’ ne’ conosciamo i tempi certi della sua pubblicazione nonostante le raccomandazioni messe per iscritto, in maniera perentoria dal Direttore regionale Antonio Di Paolo: entro il 31 luglio doveva essere tutto pronto e si sarebbero dovute concludere le istruttorie con relativa graduatoria”. Questo il commento del Presidente della Commissione Vigilanza e Consigliere regionale Mauro Febbo che sottolinea: “E’ incredibile come 800 nuove aziende, dopo oltre un anno e mezzo, siano ancora in attesa di una risposta da parte della Regione”. “Un’attesa cosi’ lunga – rimarca Febbo – che mai si era verificata nel mondo agricolo e che rischia di mandare in crisi centinaia di aziende. Dalle prime informazioni sembrerebbe che su circa 800 domande presentate solo 280 saranno finanziate mentre ben 520 saranno bocciate. Un duro colpo all’agricoltura abruzzese e ai tanti giovani che speravano di iniziare una nuova attivita’ imprenditoriale nel settore primario. Questo modo di procedere produrra’ solo ed esclusivamente altri ritardi, infatti sia i tecnici sia le associazioni di categoria sono sul piede di guerra pronti a denunciare e inoltrare ricorsi amministrativi poiche’ mai si era verificata una tale situazione caotica presso gli uffici regionali della Direzione Politiche agricole”. “A tutto questo – continua Febbo – bisogna aggiungere anche il pasticcio creato sulle altre Misure relative a investimenti e ammodernamento delle aziende per oltre 43 milioni e altri 5 milioni per investimenti per i Comuni e zone rurali scaduti il 30 maggio, per le quali la Regione, non concedendo una minima proroga richiesta a gran voce da tutte le organizzazioni professionali, ha provocato prima un danno al mondo agricolo e dopo un enorme caos e pasticcio all’interno della stesa Direzione. Infatti solo oggi sono state pubblicate le cosiddette ‘Liste di Perfezionamento’. Praticamente dopo ben quasi quattro mesi le aziende possono ultimare e inoltrare domanda al portale Agea e poi aspettare l’esito delle istruttorie. Di questo passo avremo le graduatorie nel 2018. Mentre quelle escluse dalle liste di perfezionamento rincoreranno sicuramente a ricorsi amministrativi. Da questo quadro, emerge la totale disorganizzazione che continua vivere oggi la Direzione Politiche agricole della Regione Abruzzo che si ripercuote pesantemente sul comparto primario sempre piu’ abbandonato e senza risposte concrete. Quanto esposto e denunciato in piu’ riprese risulta palesemente anche dall’ultima proiezione del Mipaf relativamente allo stato di avanzamento del PSR 2014-2020 dove l’Abruzzo e’ risultata, purtroppo, al quart’ultimo posto della graduatoria nazione con una spese di solo il 5,26 %, mentre e’ al terzo posto per rischio disimpegno”. “Oggi – conclude Febbo – purtroppo abbiamo un’agricoltura in forte crisi che non riceve ne’ risposte ne’ garanzie da parte della Regione, con il pericolo sempre piu’ concreto di restituire milioni di euro all’Europa per incapacita’ di amministrare i fondi del Programma di Sviluppo Rurale che sono una risorsa indispensabile. Questa e’ la cruda e amara realta’ del Governo D’Alfonso aggravata dall’incapacita’ politica ed amministrativa del suo delegato “. () In SecondaPagina su AN24. | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente.