Abruzzo, Consiglio regionale. Nomina Zappala’, Febbo: fiducia nella magistratura

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 21 settembre 2017. “L’esposto presentato e’ fondato su leggi, norme e documenti chiari e incontrovertibili e quindi sono fiducioso del lavoro che la magistratura contabile portera’ a termine”. E’ quanto dichiara il Consigliere regionale Mauro Febbo in merito alla nomina del direttore amministrativo della Asl di Pescara. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio informativo del Consiglio. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 13, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. “L’Universita’ Cattolica – rimarca Febbo – e’ stata fondata dall’Istituto Toniolo quale universita’ libera, non statale. Sulla base dello statuto, essa realizza i suoi fini istituzionali “attraverso il Policlinico Universitario A. Gemelli”. Dieci membri su diciotto del consiglio di amministrazione sono nominati dall’ente privato Istituto Toniolo. Che un ente privato possa costituire un ente pubblico e’ tesi peregrina smentita dalla consolidata giurisprudenza del Consiglio di Stato che ha chiarito che le universita’ libere non statali sono soggetti privati. L’Autorita’ Nazionale Anti Corruzione ha deliberato che “anche alla luce della sentenza del Consiglio di Stato 3043/2016, le universita’ libere ed a maggior ragione le fondazioni universitarie, devono considerarsi enti di diritto privato alla luce della normativa anticorruzione. Per questo l’ANAC non potra’, d’ora in poi, che dichiarare l’inconferibilita’ degli incarichi conferiti in violazione dell’art. 5 del d.lgs. 39/2013, con particolare riferimento a coloro che abbiano rivestito cariche o incarichi nelle universita’ libere”. Il fatto che la predetta sentenza sia stata emessa successivamente alla nomina del dottor Zappala’ e’ del tutto irrilevante in quanto ribadisce, come precisato dall’ANAC, un orientamento consolidato e conferma la sentenza di primo grado del TAR Lazio, sez. III, 8374 del 15/6//2015, il tutto antecedentemente la nomina in argomento”. “Il Consiglio di Stato e l’ANAC – rimarca Febbo – non fanno alcuna distinzione tra “fondazioni” ed “universita’ libere non statali” quanto alla natura privata di tali enti. Quanto al tema della limitazione dell’inconferibilita’ dell’incarico al medesimo ambito regionale, con l’orientamento ANAC n. 107 del 4/11/2014, e’ stata ravvisata la inconferibilita’ dell’incarico di direttore generale dell’Azienda USL della Valle d’Aosta a colui che e’ stato direttore generale, nel biennio precedente, della Clinica Eporediese di Ivrea, finanziata dal servizio sanitario regionale della Regione Piemonte. Orbene, nella Regione Abruzzo operano tre strutture private accreditate facenti parte della rete assistenziale del Policlinico Gemelli: la Residenza Sanitaria Assistenziale di Fontecchio , la Casa di Cura l’Immacolata di Celano , la Residenza Assistenziale di Celano , finanziate dal servizio sanitario regionale. Tutto cio’ – conclude Febbo – e’ stato evidenziato con un secondo esposto presentato sia alla Procura della Repubblica di Pescara e sia alla Corte dei Conti de L’Aquila”. In SecondaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.