Abruzzo, Consiglio regionale. Pepe e Monticelli in merito a riclassificazione strade

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 25 settembre 2017. “Sono 22 le strade abruzzesi gestite dalle amministrazioni provinciali, per un totale di 452,758 km, che torneranno di competenza statale e verranno gestite dall’Anas”. L’annuncio arriva dall’assessore Dino Pepe e dal Consigliere regionale, Luciano Monticelli che specificano: “L’obiettivo e’ garantire la manutenzione del sistema viario che attualmente, a causa della scarsita’ di risorse finanziarie, e’ difficoltosa: un km di strada, oggi, ha un costo di manutenzione pari a circa 60mila euro. Questo processo di riorganizzazione consentira’ alla Regione Abruzzo di risparmiare 28,5 milioni di euro. La riorganizzazione delle strade individuate e’ avvenuta attraverso tre criteri: connessione con il sistema autostradale, collegamento con le aree turistiche di rilievo nazionale e il recupero di strade ex statali che hanno mantenuto questa caratteristica dal punto di vista trasportistico”. “Si tratta di un percorso in fieri – spiegano Pepe e Monticelli – poiche’ e’ gia’ sul tavolo un fascicolo inerente altri quattro interventi di riclassificazione stradale: la SP n. 553 Silvi-Atri , la ex SS 524 Lanciano-Fossacesia, la SR 479 Sannite per Scanno e la SP 259 Vibrata. Lo riporta una nota diffusa, poco fa, dal servizio informativo del Consiglio. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 08, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Per quanto riguarda la provincia di Teramo – cui la Regione Abruzzo ha destinato 503 milioni di euro in questi primi 39 mesi di legislatura – l’amministrazione D’Alfonso ha dimostrato con i fatti di essere attenta ai bisogni del territorio: nel Masterplan abbiamo programmato investimenti pari a 85 milioni di euro per la realizzazione del 4° lotto della Teramo-mare e risorse per complessivi 8,5 milioni destinate alla messa in sicurezza della struttura viaria in Val Fino, oltre a 6 milioni per la pedemontana Campo Imperatore – Rigopiano – Castelli, a 3,2 milioni per la SP 8 che conduce a Civitella del Tronto e a 20 milioni per la Teramo-L’Aquila nel programma speciale per i territori colpiti dal terremoto; inoltre e’ stata inserita nel programma degli interventi nelle aree del cratere sismico anche la riqualificazione della Teramo-Ascoli Piceno, arteria fondamentale per assicurare una connettivita’ efficiente e sicura che sia elemento propulsivo per il rilancio economico del territorio, cosi’ come richiesto nel luglio scorso dai Presidenti delle Regioni Abruzzo e Marche in una lettera indirizzata al ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio”. “Con l’interpellanza presentata su questo argomento l’on. Tommaso Ginoble fa emergere la sua completa estraneita’ alle numerose attivita’ in corso in favore dell’Abruzzo – dichiarano i due politici di maggiornaza – attivita’ che diventa nozione per l’onorevole proprio grazie alla sua richiesta. Comprendiamo che l’approssimarsi delle elezioni possa portare taluni a esternare sui temi piu’ vari con il solo scopo di strappare un grammo di visibilita’, ma questo dovrebbe avvenire sempre con cognizione di causa e nel rispetto della verita’ sostanziale dei fatti”. () In SecondaPagina su AN24. | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente.