Pescara, Provincia. Sito di Piano d’Orta: accuse di ritardi infondate e paradossali da alcuni ambientalisti e Movimento 5 Stelle

Le ultime dalla Province abruzzesi | Pescara – 04 ottobre 2017. “Nonostante sia stato costretto ad un formale comunicato sulle attivita’ svolte per il sito di Bolognano, continuo a leggere di ritardi ed inerzie, addirittura decennali.È evidente a chiunque come la polemica sia sterile ed abbia solo finalita’ politiche: non ho letto di compiacimenti per l’avvio dei lavori di messa in sicurezza del sito contaminato che, ribadisco, e’ un successo per tutti coloro che credono nei valori della salvaguardia delle natura e dell’ambiente. Paradossali, persino, le accuse di incompetenza della Provincia e sugli obblighi imposti ad Edison dalla Provincia stessa, come se quest’ultima avesse voluto giustificare lo stato di inquinamento e dilatare i tempi di intervento.La vicenda amministrativa dell’area contaminata e’ molto piu’ complessa delle semplificazioni e sensazionalismi che leggo: la delicatezza della questione avrebbe dovuto indurre le associazioni ambientaliste e la consigliera Marcozzi ad una saggia prudenza ed un approfondimento dei passaggi amministrativi. L’idea che la Provincia avrebbe dovuto diffidare Edison S.p.a. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, oggi, dal servizio informativo della Provincia di Pescara. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 13, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. fin dal 2008 non considera il sequestro disposto dalla Procura della Repubblica e che solo negli anni 2014-2015 il Ministero, prima, ed il Tar, poi, si sono definitivamente pronunciati sulla possibilita’ di estendere gli obblighi di caratterizzazione e risanamento anche al responsabile dell’inquinamento, oltre che al proprietario dell’area come inizialmente disposto dalla precedente amministrazione provinciale.Con il mio insediamento (avvenuto nell’ottobre 2014) e a distanza di soli trentasette giorni dalla sentenza del Tar – altro che anni ! – la Provincia ha notificato ad Edison S.p.a. il preavviso di ordinanza e, nelle settimane immediatamente successive, la diffida alla quale sta dando esecuzione. Un’ordinanza fatta prima di allora avrebbe seriamente esposto la Provincia al rischio di vedere Edison S.p.a. andare definitivamente esente da ogni tipo di intervento. “Agganciare” Edison S.p.a. all’inquinamento non e’ stata un’operazione giuridicamente e tecnicamente semplice perche’, al di la’ delle inaccettabili banalizzazioni di chi sa fare solo polemica, la particolare tipologia di contaminazione ha costretto la Provincia a costruire, ed impostare, una diffida su base “presuntiva”: per un sito cosi’ rilevante credo che sia uno dei pochi esempi sull’intero territorio nazionale.La sistemazione del sito di Bolognano e’ stata una delle priorita’ del programma amministrativo al quale ho dato impulso anche contrastando i ripetuti tagli finanziari subi’ti dalle province. Confermo quindi che la Provincia si e’ prontamente attivata, in modo corretto e legittimo, tanto che Edison S.p.a. ha deciso di dare avvio alle operazioni necessarie per riportare l’area ad una fruibilita’ accettabile.Il risultato fino ad oggi ottenuto ed il lavoro svolto meritano, quindi, di essere tutelati da accuse non veritiere lanciate a soli fini politici. Un’amministrazione pubblica non puo’ essere “bersaglio” di ripetute critiche, gratuite e immotivate, e mi sembra perfino doveroso che venga valutato il danno all’immagine per le accuse rivolte all’operato dei miei Uffici e all’istituzione che rappresento”. Antonio Di Marco, Presidente della Provincia di Pescara | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente. In PrimaPagina su AN24.