L’Aquila. TENTANO DI RUBARE RAME DAL TETTO.

Le ultime notizie dalle Questure | L’Aquila – 22 maggio 2015. Nella serata del 21 gli operatori della Squadra Volante della Questura di L’Aquila hanno arrestato in flagranza di reato per il reato di concorso in tentato furto in abitazione aggravato dalla violenza sulle cose, P. B., anni 48, persona nota alle forze dell’ordine per i numerosi pregiudizi di polizia per reati contro la persona e il patrimonio. Gli uomini della Squadra Volante sono intervenuti alle ore 22 circa in località Roio, per segnalazione di rumori sospetti provenienti da un gruppo di case del paese, da attribuirsi allo spostamento di tegole e al piegamento di materiale metallico. Gli agenti, attraverso un sentiero ricoperto di sterpaglie, hanno raggiunto l’entrata principale dell’abitazione, ma sono stati notati dai due ladri che sono saltati giù dal tetto. Gli agenti si sono diretti verso uno dei due, immediatamente bloccato e tratto in arresto mentre tentava di scavalcare una recinzione. Effettuato il controllo esterno dell’abitazione si è accertato che molte tegole del tetto erano state spostate e rotte, inoltre vi era una scossalina in rame staccata dalla sede originale e parzialmente divelta. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, poco fa, dal servizio informativo della Questura di L’Aquila. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 19, anche mediante il sito internet della Polizia di Stato, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Dell’avvenuto arresto è stato informato il Pubblico Ministero di turno il quale ha disposto la custodia presso le camere di sicurezza della Questura in attesa dell’udienza di convalida, tenutasi nella mattina odierna ed all’esito della quale il cittadino albanese è stato condannato ad 1 anno e 2 mesi di reclusione, da scontare agli arresti domiciliari. Continuano le indagini della Polizia per arrestare il secondo ladro, che è riuscito a darsi alla fuga. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web della Polizia di Stato. In PrimaPagina su AN24.

Leggi anche...