Abruzzo, Consiglio regionale. Tua: D'Alessandro (PD) replica a sindacati

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 26 novembre 2015. “Di male in peggio. A volte sono i commenti del tipo “al lupo al lupo” delle organizzazioni sindacali regionali che, invece di condividere la necessita’ di spiegare le enormi difficolta’ ereditate, superate e non ancora risolte, ritengono di dover alzare la tensione dei lavoratori a mio giudizio inutilmente, in modo dannoso e soprattutto strumentale, di cui non si comprendono fino in fondo le ragioni della strategia”. Lo afferma il Consigliere regionale Camillo D’Alessandro, coordinatore della maggioranza di centrosinistra in Consiglio regionale, delegato ai Trasporti, in merito alla polemiche dei sindacati sulla gestione di Tua. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, oggi, dal servizio stampa del Consiglio Regionale. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 17, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. “Come sempre non mi esalto con i giudizi positivi ne’ mi faccio impressionare dai giudizi negativi. Per essere chiari: in un anno e qualche mese abbiamo fatto la legge, la societa’ unica, la ristrutturazione finanziaria e il nuovo contratto. Abbiamo fatto tutto insieme alle organizzazioni sindacali ma siamo andati avanti anche di fronte a scioperi e contrapposizioni legittime. Cio’ che prevaleva e prevale e’ garantire il diritto al futuro del trasporto pubblico locale. L’immobilismo che ho visto io, non certo quello denunciato dai sindacati, e’ fatto di una storia lunga e ricca di connivenze che hanno portato sull’orlo del burrone il sistema societario pubblico del trasporto locale. Abbiamo fatto in pochi mesi cio’ che non si e’ fatto in 20 anni. Lunedi’ riprenderemo il confronto con i sindacati sapendo – conclude D’Alessandro – che l’agenda la detta la Regione nel confronto con le parti, non il contrario”. In SecondaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.

Leggi anche...