Abruzzo, Consiglio regionale. Abruzzo Engineering: Ranieri replica a Pietrucci

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 04 dicembre 2015. “Se la priorita’ della politica aquilana fino a ieri, era quella di giustificare i fondi dati ad Abruzzo Engineering, oggi, dopo il nostro esposto, e’ diventata quella di difendere se’ stessa. Lo riporta una nota diffusa, poco fa, dal servizio informativo del Consiglio. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 10, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. L’Aquila e gli aquilani non possono, e non vogliono, accollarsi anche il peso di Abruzzo Engineering. Come del resto gli altri abruzzesi”. Lo afferma il Capogruppo del M5S, Gianluca Ranieri. “L’Assessore Di Stefano e il Consigliere Pietrucci – aggiunge – pretendono di farci credere che senza AE non si sarebbe potuta portare avanti la ricostruzione della Citta’. Una storia, non solo difficile da credere, ma che offende l’intelligenza dei cittadini, strumentalizzando una realta’ drammatica per difendere l’indifendibile”. “E’ doveroso sottolineare – continua Ranieri – che i problemi citati dall’Assessore Di Stefano, nella sua preoccupata risposta al nostro esposto, sono stati generati dalla stessa amministrazione comunale. L’Assessore alla Ricostruzione forse non ricorda – specifica Ranieri – che l’O.P.C.M. n. 3893 del 13/08/2010, la stessa che autorizzava il Comune ad avvalersi della societa’ Abruzzo Engineering fino al 31 dicembre 2010, prevedeva anche la necessita’ di tornare a procedure di gara ordinarie, abbandonando quindi al piu’ presto l’affidamento diretto”. “Informato, ma non abbastanza, e’ anche il Consigliere Pietrucci il quale sembra dimenticare alcuni aspetti fondamentali della vicenda: primo, che AE lavorava alla ricostruzione gia’ prima di essere una societa’ in-house; secondo, che L’Usra e’ stata costituita in intesa tra la Regione, i Ministeri, la Provincia ed il Comune dell’Aquila, ma non e’ controllata dalla Regione bensi’ dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, il che comporta un ulteriore causa di illegittimita’ nell’affidamento diretto ad AE”. “Comunque – conclude il Capogruppo del M5S – il tempo ci dira’ se AE e’ in grado di reggersi con le proprie gambe, nel frattempo, lasciamo alla magistratura contabile il compito di accertare l’esistenza di eventuali responsabilita'”. In SecondaPagina su AN24. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.

Leggi anche...