COP21/CLIMA – WWF: ‘ITALIA CHIAMA PARIGI’. 14 Regioni votano risoluzione "salva clima"

News dal WWF Abruzzo | Pescara – 04 dicembre 2015. «Quattordici Regioni italiane, su richiesta del WWF, hanno mandato un messaggio chiaro al nostro Governo nei giorni della COP 21 di Parigi affinchè si adoperi per ottenere impegni stringenti e più ambiziosi sulla riduzione dei gas serra. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio stampa del WWF Abruzzo. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 12, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. I consigli regionali di Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria hanno, infatti, votato nei giorni scorsi la risoluzione proposta dal WWF ed oggi si aggiungerà il consiglio della Calabria. Il tema centrale della risoluzione è la richiesta al Governo affinchè alla COP21 di Parigi (Conferenza delle Parti degli Stati Membri della Convenzione Quadro sul Cambiamento Climatico) l’Italia presenti la proposta di ridurre entro il 2030 del 50%, invece che solo del 40% (come concordato su scala europea), le emissioni di gas che provocano l’effetto serra, rispetto ai valori del 1990 e solleciti il varo di un accordo globale efficace, legalmente vincolante ed equo. Il testo base della risoluzione, proposto dal WWF e integrato da alcuni consigli regionali, era stato approvato lo scorso 22 ottobre dalla Conferenza dei Presidenti dei Consigli regionali. Nelle premesse della risoluzione si parte dalla constatazione che gli impatti del cambiamento climatico sono già visibili anche nel nostro Paese dall’aumento degli eventi estremi alla fusione dei ghiacciai: con tali impatti si rischia, se non diminuiranno le emissioni di gas serra, che aumentino la probabilità di effetti gravi, diffusi e irreversibili per le persone e gli ecosistemi. Le Regioni sono anche pronte a fare la loro parte, impegnandosi, come scritto nel testo base della risoluzione approvata dai consigli regionali a: 1. inserire nei propri strumenti di pianificazione e programmazione in campo energetico e di miglioramento della qualità dell’aria misure di riduzione progressiva delle emissioni di CO2: adottando nuove strategie integrate in campo energetico e di uso razionale delle risorse, basate sulle energie rinnovabili, il risparmio e l’efficienza energetica nell’edilizia pubblica e privata e per la climatizzazione residenziale e del terziario. 2. privilegiare la sostenibilità nelle politiche di pianificazione del territorio, del paesaggio e dei trasporti: promuovendo le modalità di trasporto meno inquinanti e adeguando prioritariamente le infrastrutture esistenti; contemplando misure per l’arresto del consumo del suolo e che favoriscano la rigenerazione urbana; prevedendo azioni di recupero ecologico delle sponde e delle zone di esondazione naturale dei corsi d’acqua. Le Regioni italiane danno così al Paese e al resto del mondo un segnale forte di consapevolezza che il cambiamento climatico in atto rappresenta una gravissima minaccia per il Pianeta e per i suoi ecosistemi come li conosciamo, e un rischio permanente per il territorio e le popolazioni locali. IL WWF PER IL CLIMA >> » | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dal WWF Abruzzo. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...