Pescara, Provincia. Quando turismo e agroalimentare fanno rete

Le ultime dalla Province abruzzesi | Pescara – 04 dicembre 2015. A poche settimane dal suo debutto sta gia’ gestendo gratuitamente oltre 100 richiestedi consulenza arrivate dalle aziende abruzzesi che operano nei settori dell’agroalimentare e del turismo, il portale Adriaincubator (www.adriaincubator.eu), frutto del progetto AdriaFootouring che vede la Provincia di Pescara ente capofila con altri 10 partner transfrontalieri. I risultati sono stati illustrati ieri nel dibattito “L’innovazione nell’agroalimentare e nel turismo: strumenti e opportunita’ per le imprese nell’area adriatica”, che ha riunito nella bottaia dell’azienda vitivinicola Zaccagnini, a Bolognano, imprese, universita’, istituzioni e banche. “Agroalimentare e turismo – ha affermato il presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco – rappresentano un binomio vincente, una possibilita’ di crescita, un volano per la nostra economia e delle fondamentali leve strategiche per il marketing territoriale, ma devono essere supportate dall’innovazione e presentare elevati standard qualitativi. Adriaincubator e’ un’importante occasione di sviluppo per settori tradizionali, quali turismo e agroalimentare, in cui lo scambio sinergico di esperienze e di know how, l’analisi e la ricerca di strumenti di innovazione, anche con l’ausilio dell’Ict, consente alle imprese di far conoscere le proprie eccellenze, acquisendo strategie di business competitive sul mercato”. Favorire lo sviluppo di strumenti e servizi in grado di stimolare la crescita e la capacita’ innovativa delle piccole e medie imprese esistenti e di quelle di nuova costituzione operanti nei settori del turismo e dell’agroalimentare e’ l’obiettivo di AdriaFootouring, acronimo di Adriatic Food and Tourism: Innovating Smes. “Il progetto – spiega Franca Terra, responsabile del servizio Turismo della Provincia di Pescara e Communication & financial manager di AdriaFootouring – appartiene al programma europeo di cooperazione transfrontaliera Ipa Adriatic, e’ stato avviato nel 2012 con un budget di 2 milioni di euro, finanziati dall’Unione Europea. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio stampa della Provincia di Pescara. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 14, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. La Provincia di Pescara e’ l’ente capofila con il coinvolgimento di altri 10 partner provenienti da Veneto, Emilia-Romagna, Albania, Bosnia Erzegovina, Montenegro e Slovenia”. L’iniziativa che ha incassato il consenso del mondo imprenditoriale, mostrato dal presidente della Camera di Commercio di Pescara Daniele Becci e dal direttore generale di Confindustria Chieti Pescara Luigi Di Giosaffatte, ha suscitato l’interesse anche del mondo accademico, come ha ribadito il Rettore dell’Universita’ di Teramo Luciano D’Amico: “Mettiamo la ricerca al sevizio delle imprese, affinche’ siano sempre piu’ competitive in termini di qualita’ e innovazione, e strumenti come questo portale, in grado di fornire consulenze in tempi rapidi, intercettando i bisogni del mercato”. Le informazioni che le aziende rivolgono con maggiore frequenza ai consulenti di Adriaincubator, evase gratuitamente in appena due settimane, riguardano finanziamenti o agevolazioni finanziarie per lo sviluppo di attivita’ nei Paesi dell’altra sponda dell’Adriatico, ma anche normative specifiche del settore agroalimentare e turistico, certificazioni ambientali, differenza tra le normative e regolamentazioni dei vari Paesi coinvolti. Fondamentale per le imprese i servizi relativi ai finanziamenti, in cui le banche giocano un ruolo di grande importanza, per sostenere start up e business plan di successo. A portata di click infatti anche i servizi gratuiti alle aziende offerti da Mestiere Impresa, primo business space inaugurato dalla banca BNL, Gruppo BNP Paribas. “Mestiere Impresa – ha spiegato il pescarese Carmine Pisano, direttore territoriale Centro Italia della BNL – e’ una piattaforma digitale, uno space business dove far incontrare imprenditori, esperti di economia, finanza e marketing, oltre a specialisti BNL, per sviluppare nuove idee ed occasioni di business, in Italia e sui mercati internazionali. La piattaforma, concepita come un social network professionale, offre focus sull’internazionalizzazione, con analisi sui mercati esteri per identificare il piu’ adatto ed utile ai propri prodotti; informazioni specifiche per individuare le controparti commerciali e valutarne l’affidabilita'; approfondimenti su soluzioni, servizi e prodotti dedicati da BNL e da BNP Paribas a quanti vogliano esportare la propria attivita’”. Ultimo aggiornamento ( Venerdi’ 04 Dicembre 2015 13:23 ) | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.

Leggi anche...