Abruzzo, Consiglio regionale. Febbo in merito a richiesta mutuo da 100 milioni da Giunta

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 09 dicembre 2015. “Un ritorno al passato, risultato di un modus operandi che prevede elargizioni da una parte e inevitabile aumento del debito dall’altra, che fanno della Regione dalfonsiana una Regione dalle 2 facce”. E’ quanto dichiara il Presidente della Commissione di Vigilanza Mauro Febbo, commentando la necessita’ da parte della Regione di accendere un mutuo da circa 100 milioni, che la prossima settimana sara’ proposto in Consiglio regionale. Lo riporta una nota diffusa, oggi, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 15, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. “Tra l’altro su questo argomento sono intervenuti anche gli uffici interni della Regione, che hanno espresso un parere negativo che pesa come un macigno alla luce di quanto evidenziato dalla Corte dei Conti. E’ arrivata infatti un’altra bocciatura, la seconda – aggiunge Febbo – da parte dell’Organo di controllo, che ha sanzionato l’Abruzzo perche’ non ha ancora presentato il bilancio di previsione del 2015. Un bilancio che, secondo la Corte dei Conti, non offre copertura finanziaria a nuove spese non prevedendo stanziamenti per gli esercizi futuri. Ora sembra piu’ chiaro il motivo dei 380mila euro messi in Bilancio per la nomina di 2 giudici della Corte dei Conti: nomina mai fatta prima, perche’ oggi?”. “Vorrei ricordare – mette in evidenza Febbo – che mentre oggi, dopo quasi 2 anni di governo si deve gia’ correre ai ripari, al momento del nostro insediamento trovammo una situazione disastrosa, con oltre 4 miliardi di euro di debiti. Dopo 5 anni e mezzo siamo riusciti a risanare la sanita’, migliorando da un lato il bilancio e risollevando dell’altro i Lea . Il centrosinistra invece e’ costretto a ricorrere a un mutuo nonostante non sia costretto a pagare, a differenza nostra, ben 65 milioni di euro di cartolarizzazioni. Del resto e’ chiaro come si sia preferito impegnare i fondi per scopi tutt’altro che indispensabili per la nostra regione – aggiunge il Consigliere regionale di Forza Italia – destano ancora enorme scalpore gli 8 milioni di euro destinati alla sanita’ privata, mentre nel pubblico si preferisce chiudere e tagliare indiscriminatamente sul territorio regionale. Che dire poi dell’esoso salvataggio di Abruzzo Engineering? O della decisione di rivoluzionare la macchina organizzativa regionale spostando funzionari dell’agricoltura in altri uffici a fare tutt’altro salvo poi decidere di affidarsi, a pagamento, al lavoro di soggetti esterni negli uffici dell’agricoltura? A piu’ riprese inoltre ho rimarcato come molte delibere adottate dalla Giunta non contengano stanziamenti certi e immediati, ma promettono risorse senza copertura, tant’e’ che molte di esse vengono approvate senza il parere del Servizio Bilancio. Intanto il mondo della Cultura abruzzese, come Marrucino e Braga ad esempio, attende ancora i contributi promessi e deliberati nel mese di settembre. Come attendono gli annunciati interventi i centri di ricerca abruzzesi – conclude Febbo – ancora in attesa di vedere tramutate in atti concreti le promesse del governo regionale”. In SecondaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.

Leggi anche...