Chieti. Di Primio: Servizio Taxi all’aeroporto non piu’ tollerabile la negazione dei diritti

Le ultime dal Comune di Chieti | Chieti – 11 dicembre 2015. « Servizio Taxi presso l’aeroporto d’Abruzzo  Sindaco Di Primio: ‘Non piu’ tollerabile l’ ormai consolidata violazione dei diritti dei tassisti.’   ‘Vista l’impossibilita’ di riuscire a trovare un’adeguata e pacifica soluzione al problema del servizio taxi presso l’Aeroporto d’Abruzzo, anche a causa delle piu’ o meno giustificate assenze, chiedo che sia la Regione a provvedere, con urgenza, alla predisposizione del Regolamento per la definizione del corretto utilizzo degli stalli presso l’aerostazione’. Lo ha ribadito il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, che questa mattina, alla presenza dell’Assessore alle Attivita’ Produttive, Carla Di Biase, e del Vice Sindaco del Comune di San Giovanni Teatino, Giorgio Di Clemente, ha tenuto una riunione presso il suo ufficio alla quale avrebbero dovuto partecipare anche i Sindaci di L’Aquila, Pescara e Teramo. “L’incontro – ha evidenziato il Sindaco – doveva contribuire alla risoluzione di un problema che si trascina ormai da anni e che vede i rapporti tra i tassisti operanti all’interno dell’aeroporto d’Abruzzo notevolmente deteriorati. Il Sindaco di Pescara ha giustificato la sua assenza con impegni istituzionali cosi’ come il Sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, che mi ha ribadito la volonta’ della sua amministrazione a voler trovare soluzioni perche’ i tassisti teramani possano usufruire di uno stallo presso l’aeroporto. Visto che l’intento di arrivare ad un accordo e’ stato vanificato anche per le assenze piu’ o meno giustificate degli altri interlocutori, chiedo che sia la Regione ad intervenire. -E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, in giornata, dal servizio informativo del Comune di Chieti. I dettagli della nota sono stati resi pubblici, alle 15, anche mediante il canale web dell’ente- All’uopo, ho inviato una lettera al Governatore dell’Abruzzo perche’ predisponga, con urgenza, il Regolamento per la definizione dell’utilizzo degli stalli presso l’aerostazione. Il perdurare di una situazione che, a distanza di oltre cinque anni, non e’ cambiata, credo meriti un risolutivo intervento affinche’, soprattutto, non venga negato ai nostri tassisti e a quelli degli altri Comuni il sacrosanto diritto di lavorare.”   » | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente. In PrimaPagina su AN24.

Leggi anche...