M5S, «Il Governo Regionale ci riprova, torna la legge sul collegato alla finanziaria»

Dal comunicato stampa pubblicato sul sito web del Movimento 5 Stelle | Pescara – 17 dicembre 2015. « IL GOVERNO REGIONALE CI RIPROVA: TORNA LA LEGGE SUL COLLEGATO ALLA FINANZIARIA, MARCOZZI: ‘GOVERNO INADEGUATO. VADANO A CASA E CI LASCINO GOVERNARE!’ Torna in esame quello che ad aprile 2015 era stato presentato come “Collegato alla finanziaria 2015″, poi mutato in “Azione di sostegno al Governo Regionale” – dopo che il M5S aveva rilevato che il Governo era di qualche mese fuori termine – e che oggi viene ridenominato “Collegato alla Finanziaria 2016″. Ma il contenuto resta immutato. Torna, puntuale come un esattore, ma la sostanza e’ sempre la stessa: un calderone di norme e ‘normette’ in cui la maggioranza, in maniera confusionaria, ha inserito un po’ di tutto, forse sperando nella disattenzione dei consiglieri di opposizione. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, oggi, attraverso il sito abruzzese del Movimento 5 Stelle. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 09, anche mediante il canale web dello stesso Movimento 5 Stelle, sul quale ha trovato spazio la notizia. ‘Gia’ in prima battuta, ad aprile, abbiamo chiesto e ottenuto il rinvio della legge al Cal (consiglio delle autonomie locali) per il rilascio del parere obbligatorio, altra cosa di cui la maggioranza non si era accorta’ commenta Sara Marcozzi ‘Inoltre non possiamo non tornare a rilevare le persistenti criticita’ della proposta normativa che oggi ci viene ripresentata nella stessa salsa, a parte qualche lieve modifica’. “Questa Maggioranza appare del tutto inadeguata al ruolo che ricopre” continua Sara Marcozzi “oltre a censurare il merito non condivisibile delle proposte presentate, rileviamo che ignora persino le procedure piu’ elementari per la presentazione dei provvedimenti.” » | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota tramite il sito web del Movimento 5 Stelle. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...