Abruzzo, Consiglio regionale. Mercante in merito a crisi Veco

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 24 dicembre 2015. “Salvaguardare i posti di lavoro ed una azienda tra le piu’ fiorenti della provincia teramana deve essere obiettivo prioritario di questo governo regionale”. Con queste parole il Consigliere regionale del M5S, Riccardo Mercante, ha commentato l’annuncio della imminente chiusura della fonderia Veco di Martinsicuro e della relativa messa in mobilita’ degli oltre settanta dipendenti. “La Veco – spiega Mercante in una nota – e’ una azienda storica che da oltre cinquant’anni occupa un posto di rilievo nel panorama produttivo della nostra Regione dando occupazione a numerosissimi lavoratori. La sua ubicazione nelle immediate vicinanze della costa ha fatto sorgere, tuttavia, a seguito dello sviluppo edilizio della zona e dei numerosi insediamenti abitativi nel frattempo sorti, la necessita’ di un incremento degli standard di sicurezza e tutela ambientale con conseguente accollo da parte dell’azienda di ingenti investimenti al fine di mitigare gli effetti della produzione sull’ambiente circostante. Tutto cio’ ha portato, a partire dal 2012, con il mancato rinnovo da parte della Regione dell’Aia, ad un rallentamento della produzione che ha indotto, pochi giorni or sono, l’azienda a disporre la cessazione dell’attivita’ produttiva. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, oggi, dal servizio stampa del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 15, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia.  È assolutamente inconcepibile – continua Mercante – che in un momento di crisi cosi’ stringente si debba assistere alla chiusura di una delle poche aziende floride rimaste sul territorio. In questa fase e’ necessario il massimo sforzo da parte di tutti per scongiurare una simile ipotesi ed evitare che cosi’ tanti dipendenti perdano il lavoro andando ad incrementare il gia’ esorbitante numero di disoccupati dell’Abruzzo. Massimo sforzo da parte della Regione, in primis, cui e’ affidato il compito di dare sostegno alla azienda evitando quella lentezza e lungaggini burocratiche che hanno portato al rallentamento delle attivita’ produttive, delle parti sociali e della Veco stessa cui potrebbe essere richiesto un maggior sacrificio in termini di investimenti per la riduzione dell’impatto ambientale ed il rispetto degli standard di sicurezza, Mi aspetto, pertanto -conclude Mercante – che nella prossima Conferenza di servizi si riesca a trovare una soluzione condivisa che possa evitare un cosi’ tragico epilogo. La chiusura della Veco rappresenterebbe, infatti, non solo una triste prospettiva per decine di lavoratori ma anche l’ennesima ferita per un sistema produttivo gia’ fortemente compromesso. Proprio per questo, in uno scenario cosi’ catastrofico, il mio augurio, e quello del Movimento 5 Stelle, va ai dipendenti della Veco ed a tutti i disoccupati e precari abruzzesi non solo per queste festivita’ natalizie ma anche e soprattutto perche’ possano trovare al piu’ presto quella stabilita’ lavorativa che dovrebbe rappresentare il primo diritto di uno Stato civile e democratico”. In PrimaPagina su AN24. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.

Leggi anche...