ABRUZZO, COTIR: PEPE, AI DIPENDENTI LIQUIDATI TUTTI ARRETRATI 2014

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | L’Aquila, 29 dic. – Via libera al pagamento di tutto il salario dell’annualita’ 2014 per i dipendenti del Cotir, il centro di ricerca regionale i cui addetti sono senza stipendio da due anni. Lo ha annunciato l’assessore alle Politiche agricole Dino Pepe, che ha incontrato insieme con il presidente della commissione agricoltura, Lorenzo Berardinetti e il commissario del Centro, Andrea Cleofe, i rappresentanti sindacali per fare il punto della situazione in merito agli emolumenti e al futuro del centro di ricerca. Lo riporta una nota diffusa, in giornata, dal servizio stampa della Regione Abruzzo. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 16, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. "Lo sblocco dei finanziamenti – ha spiegato Pepe al termine della riunione – ha permesso di dimezzare i salari arretrati che vantano i dipendenti del Cotir. A questo va aggiunto che grazie al fondo di rotazione si sono potuti regolarizzare i pagamenti necessari alla rendicontazione di numerosi progetti che il Cotir ha intrapreso, all’interno del Piano di Sviluppo Rurale 2007 ? 2013, ottenendo in questo modo il completamento dell’investimento e l’allontanamento, della minaccia del disimpegno". Nell’incontro si e’ parlato anche del futuro dei centri di ricerca e del progetto di riordino degli stessi; la possibilita’ cioe’ di una struttura portante che preveda la necessaria distinzione tra le attivita’ di pianificazione, coordinamento, direzione e supporto e quelle di ricerca e produzione . L’occasione e’ stata utile per acquisire le prime necessarie considerazioni e riflessioni ed arrivare, entro breve, alla presentazione di un progetto il piu’ possibile condiviso e partecipato con il contributo dei lavoratori, dei sindacati e delle organizzazioni professionali agricole. Us | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...