«M5S risponde a D’Alessandro e Mariani»

Dal comunicato stampa pubblicato sul sito web del Movimento 5 Stelle | Pescara – 02 gennaio 2016. « Camillo D’Alessandro, fedele difensore dell’indifendibile, omette di riferire che il M5S, durante i lavori delle commissioni, ha chiesto per settimane che le voci di bilancio fossero consegnate a tutti i consiglieri. Ci sono i verbali delle sedute di commissione che lo provano. Richieste da noi reiterate in commissione fino allo sfinimento, ma ignorate dai componenti della Giunta e da una maggioranza sorda e antidemocratica. E’ quanto si legge in un comunicato pubblicato, in giornata, attraverso il sito abruzzese del Movimento 5 Stelle. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 11, anche mediante il sito internet dello stesso Movimento 5 Stelle, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Le nostre proposte migliorative per il bilancio sono contenute nei 1400 emendamenti depositati, qualora il Governo, come dovrebbe fare un’amministrazione trasparente, ci avesse consegnato le singole voci per permettere a noi e agli abruzzesi di capire come e quando verranno spesi i loro soldi. Inoltre, non afferma il vero in tema di D.Lgs 118/2011, il quale, se e’ vero che predispone l’uniformita’ nelle modalita’ di redazione del bilancio in tutte le regioni, non vieta affatto la conoscibilita’ dei capitoli ai consiglieri. Anzi, dalla lettera della norma si evince che i capitoli debbano essere contenuti all’interno del c.d. macroaggregato da trasmettere ai consiglieri. Tanto e’ vero che in Veneto, Lazio e Friuli V. G., solo per citare qualche esempio, le rispettive Giunte hanno fornito la documentazione completa dei capitoli di spesa. Addirittura in Piemonte l’applicazione della nuova forma di redazione di bilancio e’ stata rinviata all’anno prossimo. A ulteriore conferma, su richiesta del M5S, lo scorso 31 luglio, il Collegio delle Garanzie Statutarie ha emesso il parere n. 5 del 2015 dal quale si evince che l’accesso ai capitoli di spesa e al SIC (sistema informativo contabile), non soltanto costituisce prerogativa dei consiglieri ma ‘dovere dell’ufficio (…) il diniego di accesso al S.I.C. o il prolungato indugio nel rilascio delle credenziali a ciascun consigliere, appaiono suscettibili di creare pericolose asimmetrie informative tra Giunta regionale (e conseguente, maggioranza che la sostiene) e consiglieri dell’opposizione, venendo a configurare un ingiustificabile vulnus allo stato costituzionale dell’opposizione e, conseguentemente, allo stesso principio democratico’. Questi sono i fatti. Tutto il resto e’ propaganda. Il M5S legge e studia statuto, regolamento e leggi vigenti, ma a differenza di altri, ne chiede anche la rigorosa applicazione. L’accusa di ‘violenza’ mossa nei nostri confronti, da D’Alessandro e dal capogruppo PD Mariani, e’ risibile e smentita dai video che ‘spopolano sul web’ che sono stati girati, non da noi o dai nostri collaboratori, ma dalla stampa presente in aula. Altri sono stati i personaggi che hanno messo in atto condotte di intimidazione e violenza. Condotte da noi subite e non certo provocate. La rete, organo di divulgazione non controllato e controllabile, che tanto infastidisce l’establishment, racconta la realta’ dei fatti. Capiamo che questo possa dar fastidio, ma e’ tempo di farsene una ragione. L’irresponsabilita’ risiede solo nell’occultamento dei documenti ai cittadini, nella mancanza di condivisione e trasparenza. Ci interroghiamo ancora sul perche’ di tanto mistero su come la Giunta regionale spendera’ i soldi degli abruzzesi. » | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dal Movimento 5 Stelle. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...