Abruzzo, Consiglio regionale. Ospedale Atri: Monticelli (PD) scrive a D'Alfonso

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 04 febbraio 2016. Il Consigliere regionale del Partito Democratico, Luciano Monticelli, scrive una dettagliata lettera al Presidente della Giunta, D’Alfonso, nella quale solleva alcune questioni relative all’assetto del Presidio Ospedaliero San Liberatore di Atri. Monticeli, sostiene che il San Liberatore sia stato depauperato e spogliato dalle sue funzioni dalle precedenti amministrazioni e che l’unico segnale positivo, verrebbe dalla nuova classificazione delle strutture ospedaliere introdotta dal D. M. 70/2015. “Esso e’ stato pero’ accompagnato da nuove gravissime perdite – continua il Consigliere – La chiusura del Punto Nascite ha comprensibilmente agitato ancora una volta gli animi dei cittadini della zona, e molti Comuni dell’area, di diverso colore politico, hanno ritenuto opportuno ricorrere contro quel provvedimento al Giudice Amministrativo, che ha emesso il suo parere solo poche settimane fa”. Nel cuore della lettera, il Consigliere afferma: “Ancora nulla di concreto si e’ mosso sugli altri impegni sottoscritti, da me e Lei insieme, lo scorso 8 settembre, relativi a progetti di sviluppo dell’offerta sanitaria del San Liberatore assolutamente compatibili con la normativa in vigore. Mi riferisco al potenziamento della Chirurgia con l’arrivo della specializzazione di Chirurgia della Retina, all’istituzione del Centro Regionale Sclerosi Multipla, alla creazione di un polo radiodiagnostico innovativo in grado di azzerare le liste di attesa del Teramano e del Pescarese, alla riapertura della Medicina Nucleare e al rafforzamento dei due Centri di Riferimento Regionale presenti nel San Liberatore: quello di Auxologia e Nutrizione Pediatrica e quello di Fibrosi Cistica e Celiachia”. Il Consigliere PD fa poi riferimento all’audizione in Quinta Commissione del Presidente della Lega Italiana Fibrosi Cistica Abruzzo, che avrebbe evidenziato i disagi che vivono i pazienti del Centro del San Liberatore a causa della riduzione del personale della Pediatria. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, oggi, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 17, anche sulle pagine del portale web dell’ente, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. “Il problema potrebbe essere risolto – dice Monticelli – con la creazione di un Centro Regionale Malattie Rare totalmente autonomo, o comunque dal definitivo sganciamento dall’affiliazione a una Pediatria, anche in considerazione dell’aumentata eta’ media dei pazienti fibrocistici”. Infine, la lettera invita D’Alfonso ad individuare le modalita’ operative per affrontare i disservizi lamentati dai cittadini abruzzesi e l’annoso problema della mobilita’ passiva. In SecondaPagina su AN24. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.

Leggi anche...