ABRUZZO, GIORNATA DIRITTI DEL MIGRANTE, DI MATTEO: PROMUOVERE VALORI DELL’ACCOGLIENZA

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | Pescara, 26 feb. In occasione della Giornata Internazionale dei Diritti del Migrante, Musica e Societa’, con il patrocinio dell’Assessorato all’Emigrazione della Regione Abruzzo, con la partecipazione dell?assessore alle Pari Opportunita’ e Migranti del Comune di Pescara, Sandra Santavenere, della presidente della Commissione Pari Opportunita’ del Consiglio regionale, Gemma Andreini, della Fondazione Dean Martin e dell’Ofm, ha presentato lo spettacolo di teatro musicale Rosamara-Storie di donne migranti. L’evento e’ in programma martedi’ 1 marzo alle ore 21 al Teatro Massimo, con l’attrice e cantante internazionale Saba Anglana, impegnata in prima linea sulle questioni dell’immigrazione, la pescarese Tiziana Di Tonno e l’Orchestra Femminile del Mediterraneo, diretta da Antonella De Angelis. Durante la conferenza stampa l’assessore Di Matteo ha illustrato i dati sugli immigrati in Abruzzo, forniti dal coordinatore immigrati Patrick Guobadia. Lo riporta una nota diffusa, oggi, dal servizio stampa della Regione Abruzzo. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 13, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. "L’Abruzzo conta 86.245 presenze, al primo posto c’e’ la provincia teramana con 23.940 presenze, all’Aquila si contano 23.332 immigrati, Chieti e’ terza con 21.220, Pescara e’ all’ultimo posto con 17.753 immigrati presenti – osserva l’assessore regionale Donato Di Matteo -. E’ sbagliato parlare di problemi di immigrati, questo e’ un fenomeno che si ripete nella storia e non possiamo fare altro che accogliere queste persone perche’ e’ impensabile morire sui barconi". Dopo il successo di Ad Auschwitz c’era un’orchestra femminile arriva la pie’ce "Rosamara", la storia di due donne vissute in due epoche diverse, la prima e’ siciliana, Rosa, partita per l’America i primi del ?900 durante il primo grande fenomeno dell?emigrazione, l’altra e’ Amara, una giovane dell?eritrea oggi, costretta a lasciare il proprio Paese in cerca di una vita migliore. Due storie di donne che a distanza di un secolo vivono le stesse problematiche dell’emigrazione e che alla fine dovranno fare i conti anche con la diseguaglianza che colpisce spesso l?universo femminile. Il testo e’ stato scritto da Roberto Melchiorre, docente e scrittore ed e’ interpretato da due bravissime attrici che hanno saputo cogliere gli aspetti salienti di Rosa e Amara, dopo aver letto, incontrato e ascoltato le vicende di tante donne di ieri e oggi. La musica dell’Orchestra Femminile del Mediterraneo avra’ un ruolo fondamentale creando atmosfere magiche e suoni tipici del Sud del mondo dei compositori Arvo Part, Giovanni Sollima, Saba Anglana e Fabio Barovero. Le scenografie sono di Francesco Vitelli. Gli arrangiamenti di Antonella De Angelis e Walter Gaeta. La regia, anche in questo spettacolo tutta al femminile e’ di Anglana, De Angelis, Di Tonno e della giornalista e presidente della Fondazione Dean Martin Alessandra Portinari. Saba Anglana ha ribadito le difficolta’ del suo Paese il personaggio che interpreta Amara e’ una donna eritrea che vive la tragedia dell’immigrazione: "Questo spettacolo – osserva Saba Anglana – e’ importante per parlare di un popolo, che ha numerosi problemi interni, soprattutto la siccita’ e non si puo’ intervenire perche’ lo stato e’ ostaggio da 22 anni di un dittatore. Queste sono le conseguenze di un colonialismo scellerato. Un Paese che amo e’ anche l’Italia perche’ mio padre era italiano ed e’ un Paese che difendo ma che dovrebbe guardare stati africani con grande comprensione. Questo e’ uno spettacolo che ha come motore d’amore il cuore che si sente in tutte le persone coinvolte e nelle due donne protagoniste, pronte a raggiungere delle mete solo per amore. Il motore di ogni azione dei viaggi, della politica, dell’arte e dello sport deve essere ancora l’amore perche’ l’amore ci rende forti". Us | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente. In PrimaPagina su AN24.

Leggi anche...