Abruzzo, Consiglio regionale. D'Alessandro replica in merito a garante detenuti.

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 07 marzo 2016. Camillo D’Alessandro, coordinatore della maggioranza in Consiglio regionale, risponde cosi’ al sottosegretario Federica Chiavaroli che stamane a Chieti aveva rivolto un invito al Presidente Luciano D’Alfonso a farsi “parte attiva per un accordo” sull’elezione del Garante dei detenuti in Consiglio regionale. Lo riporta una nota diffusa, oggi, dal servizio informativo del Consiglio. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 18, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. “Cio’ che ci ha guidato nella individuazione del profilo del Garante dei detenuti non e’ stata ne’ l’amicalita’ ne’ tanto piu’ la partigianeria – ha precisato D’Alessandro – non abbiamo indicato un amico, non un esponente di partito ne’ qualcuno a cui dare uno stipendio, ma chi in Italia e’ riconosciuta come indiscutibile punto di riferimento per i detenuti: Rita Bernardini”. “Ritenevamo che la scelta di un curriculum oggettivo potesse superare i veti sul metodo, apparso alle opposizioni come non rispettoso delle proprie prerogative – ha aggiunto il Consigliere del PD – sarebbe stato cosi’ se il nome proposto fosse un nome di parte. Non lo e’ nel momento in cui si pongono sul tavolo le competenze e le esperienze rispetto ad ogni altra valutazione di carattere politico”. “Tuttavia nei prossimi giorni il Presidente D’Alfonso lavorera’ per creare le condizioni di un’intesa quanto mai opportuna e necessaria”. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.

Leggi anche...