Arta Abruzzo. Controlli sugli alimenti, il Centro di riferimento del Distretto di L’Aquila e’ l’unico laboratorio in Abruzzo accreditato per la determinazione del glutine

Le ultime dall’Arta Abruzzo, Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente 2015 | Pescara – 21 marzo 2016. Il Centro di riferimento per gli alimenti dell’Arta Abruzzo, operante presso il Distretto provinciale di L’Aquila, vanta l’unico laboratorio in Abruzzo accreditato per la determinazione del glutine nei prodotti alimentari. L’importante certificazione e’ stata conseguita nell’ottobre 2013 e, dopo un anno in cui le attivita’ si sono progressivamente intensificate, i controlli specifici sui prodotti alimentari per celiaci, volti a verificare il rispetto del valore massimo di tolleranza di 20 mg/kg, sono stati inseriti nel Piano annuale dei controlli sugli alimenti stabilito dalla Regione Abruzzo. Il Centro si avvale della competenza e professionalita’ di un chimico e di un tecnologo alimentare, che svolgono indagini analitiche su campioni forniti dalle Asl o altri organismi di controllo e, su richiesta, anche da privati, con costi stabiliti nel tariffario Arta. Lo riporta una nota diffusa, in giornata, dal servizio informativo dell’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente 2015. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 12, anche mediante il canale web dell’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente 2015, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. Gli esami possono interessare prodotti finiti o semilavorati, in lavorazione oppure distribuiti da punti vendita e aziende. Tra le sinergie piu’ proficue degli ultimi mesi spicca l’operazione ‘Olive verniciate’, scattata in tutta Italia e anche in Abruzzo, che ha portato al sequestro da parte del Corpo Forestale dello Stato di oltre 85 tonnellate di olive colorate con solfato di rame, e i controlli effettuati sempre dalla Forestale nelle quattro province abruzzesi, finalizzati alla verifica della tracciabilita’/rintracciabilita’ dei prodotti che non contengono glutine. Nel primo caso, sono stati effettuati dei campionamenti di olive da tavola gia’ confezionate, nelle quali il Centro di riferimento per gli alimenti del Distretto di L’Aquila ha rilevato una concentrazione doppia di solfato di rame rispetto a quanto previsto dalla normativa in materia di fitofarmaci residui. Nel secondo, su 20 aziende controllate, le analisi di laboratorio dell’Arta hanno evidenziato per tutte il rispetto del limite previsto dalla normativa comunitaria specifica per i prodotti alimentari dichiarati senza glutine. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...