Abruzzo, Consiglio regionale. Olivieri ripresenta risoluzione in merito a Vasto-Pescara

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 23 marzo 2016. Il consigliere regionale di Abruzzo Civico, Mario Olivieri ha riproposto, in Consiglio Regionale, la risoluzione urgente volta a ristabilire le condizioni di sicurezza e piena percorribilita’ dell’A14, nel tratto Vasto-Pescara. Lo riporta una nota diffusa, poco fa, dal servizio stampa del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 10, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. “La disattesa discussione della risoluzione in Consiglio regionale, a distanza di piu’ di un mese dalla sua presentazione, non solo non ha consentito di risolvere la pesante criticita’ che interessa il territorio vastese, ma ha anche determinato ulteriori disservizi a carico dei cittadini”. Ha dichiarato Olivieri che ha aggiunto: “Il tratto autostradale Vasto-Pescara, com’e’ noto ormai da diversi mesi, e’ caratterizzato da numerose interruzioni, per via dell’allestimento di cantieri sprovvisti di personale costituendo un grave pericolo per l’incolumita’ degli automobilisti, cui si aggiungono nuovi rallentamenti della viabilita’ e la formazione di numerose code, per via del mancato intervento della direzione autostradale”. Nel sollecitare la risoluzione in previsione di un peggioramento con l’imminente stagione estiva, Olivieri chiede: “L’intervento tempestivo della Regione, presso la direzione del VII tronco autostradale, al fine di incrementare le squadre di lavoro nella dotazione e nei tempi giornalieri ed eliminare gradualmente la presenza dei cantieri autostradali sul tratto interessato a questo – conclude il consigliere di Abruzzo Civico – si aggiunge la richiesta di sospensione del pedaggio autostradale fino al perdurare del problema”. In PrimaPagina su AN24. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.

Leggi anche...